Il Paese dove il consulente è nudo

A
A
A
Avatar di Redazione 17 Febbraio 2020 | 11:25

Esiste un Paese dove il consulente è nudo. Non letteralmente, ma nella sua professionalità, di fronte al cliente. Stiamo parlando dell’Irlanda, dove dal prossimo 31 marzo scatterà una stretta decisiva sulla esplicitazione di tutte le remunerazioni diverse da quelle della clientela percepite dai consulenti. Ne parla nell’articolo che vi riportiamo di seguito Massimo Scolari, presidente di Ascofind. Buona lettura.

La Banca centrale d’Irlanda ha pubblicato un pacchetto di nuove regole da inserire nel Codice di protezione dei consumatori sul pagamento delle commissioni agli intermediari finanziari, che prevede nuovi requisiti in materia di trasparenza per i consumatori e divieti su alcuni tipi di accordi sulle commissioni. Le nuove norme mirano a garantire la trasparenza degli accordi sulle commissioni tra intermediari finanziari (come broker e consulenti finanziari) e produttori di prodotti (come banche e compagnie assicurative) e per ridurre al minimo il rischio di conflitti di interesse quando i consumatori ricevono una consulenza finanziaria dall’intermediario.

  • I consumatori devono avere la trasparenza degli accordi sulle commissioni tra intermediari e produttori di prodotti.
  • Divieto di alcuni tipi di accordi con le commissioni e chiarezza sull’uso del termine “indipendente”
  • In base alle nuove regole sarà vietata l’ospitalità gratuita per intermediari come gite in golf e biglietti per eventi sportivi.
  • La Banca centrale controllerà il rispetto da parte delle imprese delle nuove norme che entreranno in vigore il 31 marzo 2020.

In base alle nuove regole, la Banca centrale richiederà agli intermediari di pubblicare i dettagli delle commissioni che ricevono dai produttori di prodotti sul proprio sito Web.

Inoltre, la Banca centrale non consentirà più agli intermediari di descrivere se stessi e le loro attività regolamentate come “indipendenti” nella  misura in cui, nel fornire consulenza, accettano e mantengono le commissioni dalle case prodotto.

Alcuni criteri devono essere soddisfatti affinché la commissione sia accettabile; le commissioni collegate ad operazioni che non considerano il migliore interesse di un consumatore sarà considerata in conflitto di interessi e sarà vietata.

L’ospitalità gratuita per intermediari come gite in golf e biglietti per eventi sportivi sarà proibita dalle nuove regole. Qualsiasi commissione ricevuta sotto forma di benefici non monetari deve dimostrare in modo dimostrabile la qualità del servizio al consumatore per essere autorizzata.

Gráinne McEvoy, direttore della protezione dei consumatori, ha dichiarato: “È importante che i consumatori abbiano la massima chiarezza sul prezzo che pagano per i servizi finanziari. Queste nuove regole forniranno la necessaria trasparenza sui pagamenti delle commissioni, consentendo ai consumatori di vedere quali pagamenti delle commissioni ricevono i loro consulenti finanziari per i prodotti che stanno raccomandando. Non consentiremo ospitalità come gite in golf e biglietti per eventi sportivi poiché riteniamo che tali vantaggi siano progettati per influenzare un intermediario a mettere affari con un determinato fornitore piuttosto che a fornire vantaggi diretti ai consumatori.

Queste modifiche al Codice di protezione dei consumatori ridurranno la distorsione da parte degli intermediari finanziari e forniranno ai consumatori l’accesso a maggiori informazioni sulle modalità di pagamento degli intermediari.

I consumatori potranno quindi avere fiducia nel fatto che quando ricevono una consulenza presentata come indipendente, tale consulenza sia veramente indipendente.”

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Elio Conti Nibali e quei ricordi dell’ufficio

Consulenza finanziaria, sostenibilità solo di facciata

Consulenza e coronavirus, un sondaggio svela come ci stiamo comportando

Consulenza e trasparenza dei costi, le osservazioni di Federpromm

Banca Generali, il migliore anno di sempre

Consulenti, Mifid 3 sarà solo una toppa

Consulenza, come sarà il wealt management nel 2025

Poste Italiane, consulenza ad ampio raggio

Consulenza e certificati al FeeOnly di Verona

Credem, destinazione innovazione

Consulenza e illiquidi, tra rivoluzione e rischi

Consulenza, l’industria tiene ma senza più i fasti

Il contributo della consulenza all’educazione finanziaria degli investitori

Consulenza fiscale, Mediolanum spiega gli Indici Sintetici di Affidabilità

Private banking in Italia, ecco quanto vale e chi comanda

Le truffe dei consulenti, viste dal fee only

Consulenza e trasparenza costi: per ora è un mezzo flop

Consulenza, l’esercito dei potenziali clienti esclusi

Rendiconti Mifid 2, è il turno di IWBank

Credem: Euromobiliare Advisory Sim rinnova gli investimenti

Allianz Bank FA, quando Mifid 2 fa rima con crescita

Consulenza d’estate, manuale di sopravvivenza

IWBank, give me five

I giovani hanno fame di consulenza

La consulenza è un gioco di squadra

Nuovi Pir, Doris boccia il governo

Mediolanum svela l’antidoto contro il male del fai-da-te

Consulenza noir: Nicaragua, i reali sauditi, il figlio di Gelli e un radiato

Mediolanum, il cliente in maglia rosa

Consulenza: il futuro delle Scf

Reti Champions League, collegamenti impossibili

Azimut, la raccolta è sempre un piacere

Tutto pronto per il Forum Nazionale sulla Consulenza Finanziaria

Ti può anche interessare

Copernico Sim, la consulenza raddoppia

In questo periodo di incertezza dei mercati, Copernico SIM ha deciso di mettere a disposizione della ...

Fideuram, i top manager mettono mano al bonus contro il virus

Il ceo del gruppo Carlo Messina e i suoi 21 dirigenti apicali rinunceranno a 6 milioni del loro bonu ...

Tecniche avanzate di negoziazione: Spread Trading Sistematico

Le tradizionali tecniche di negoziazione sui mercati finanziari non sembrano più essere così ef ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X