Il manager di Ubi: “Ho paura che mi mandino a fare il bucato”

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri20 febbraio 2020 | 11:26

Mercoledì 19 febbraio, ore 18 circa. Su un treno partito da Milano Centrale, un uomo, in piedi nello spazio tra una carrozza e l’altra, parla con un suo amico al telefono. Si capisce che è un manager di Ubi Banca, la quarta banca italiana che nei scorsi giorni ha subito il tentativo di scalata di Intesa Sanpaolo. Molti giornali etichettano freddamente l’operazione alla voce “Risiko bancario”. La benedicono in nome della nascita di un campione europeo. Ma di certo i dipendenti del gruppo guidato da Victor Massiah stanno vivendo un momento pieno di incertezze. “Qui ho paura che mi mandino a fare il bucato”, spiega il manager all’amico dall’altro capo del telefono, “hanno detto che è una scalata amichevole, ma in pratica è ostile. Non servono tante persone che fanno il mio ruolo in una banca, Intesa ha già una sua persona che è pure brava”.

Nella conferenza stampa per spiegare l’operazione, il ceo di Intesa Carlo Messina ha voluto rassicurare tutti: “Parlo ai dipendenti di Ubi come a persone che fanno parte del mio stesso gruppo”, ha detto, “ci saranno per loro tante opportunità”. E ha parlato di un piano da almeno 5 mila uscite volontarie, compensate dall’assunzione di un giovane ogni due persone che se ne andranno.

“È anche una questione di età”, prosegue il manager al telefono, “adesso ci sarà un annetto di difficoltà poi si vede che succede. Io ho iniziato tardi, andrei per anzianità fra qualche anno: a meno che non prenda un incentivo all’esodo”. Incentivi che, almeno rimanendo alle parole di Messina, ci saranno certamente per i dipendenti più vicini alla pensione. “Ci vorrà un po’ di tempo e poi vedremo che fare. Io adesso devo pensare ai miei e al mio team. Soprattutto ai più giovani, che vanno tutelati. Ma c’è tempo di pensare anche a questo, vedremo cosa ci riserverà il futuro”.

Ieri, nella storica sede milanese di Ubi, si è tenuto il cda di emergenza. Credit Suisse sarà l’advisor che si occuperà di valutare nel dettaglio l’offerta e di vagliare eventuali strade alternative. E in serata l’ad Massiah ha scritto ai dipendenti specificando che non è ancora detta l’ultima parola. L’operazione dovrà superare un duro iter di approvazione. I dipendenti sembrano avere fiducia di lui: “Stamattina avevamo le telecamere sotto all’ufficio. C’era anche il capo che è tornato da Londra. Adesso vediamo che succede, noi ce la giochiamo”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Coronavirus, da IWBank soldi e coperture per i consulenti

Coronavirus e banche, il dividendo non si tocca (per ora)

IWBank PI cala la tripla al centro-nord

Coronavirus, 5 milioni di aiuti da Ubi

Intesa-Ubi, cosa cambia dopo il coronavirus

Polizze, Antitrust sanziona le principali banche italiane

IWBank, colpo grosso in Widiba

Coronavirus, la moratoria di Ubi Banca

IWBank PI, tripletta di ingressi in Toscana

Il manager amico di IWBank e la sua avventura in Antartide

Affare Intesa-Ubi, tutti i punti di forza per gli analisti

Ubi Banca, accelerata sull’open banking

Ubi: si apre il fronte contro Intesa Sanpaolo e Messina risponde

Intesa-Ubi, Massiah non getta la spugna

Fideuram e IWBank PI, quale futuro dopo la scalata

Intesa Sanpaolo-Ubi, previste almeno 5 mila uscite di dipendenti

Private banking, le conseguenze della possibile fusione Intesa-UBI

Intesa all’assalto di Ubi

Ubi Banca lancia il fee-only

IWBank PI e l’anno dei consulenti straordinari

IWBank PI, il digitale non è tutto

IWBank PI, super ingressi di inizio anno

Bancari, porte girevoli in Ubi: 150 assunzioni e 300 uscite

IWBank PI, poker d’assi nel reclutamento

Reti Champions League: quarti da urlo, ecco chi passa alle semifinali

IWBank PI, nuovo colpo con Bagnasco

IWBank, settebello nel reclutamento

IWBank PI, l’evoluzione è adesso

Banche: fusione Ubi-Bper, ecco a chi e perché piace

IWBank PI, super ingresso tra i wealth banker

IWBank PI si espande nel bolognese

Reti Champions League: il ribaltone di Consultinvest

Banco Bpm-Ubi, tentazione terzo polo

Ti può anche interessare

Azimut, 30 candeline alla faccia dei gufi

Il 9 e 10 gennaio ci sarà una grande festa a Montecarlo per celebrare i 30 anni di attività del gr ...

Consulenti: perché sono fondamentali nella tempesta

Quando si scatena la tempesta sui mercati, è lì che il consulente finanziario diventa decisivo. Se ...

Consulenti, dead line sulla posta certificata

Entro il 1° maggio 2019 tutti i consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede già i ...