Ubi: si apre il fronte contro Intesa Sanpaolo e Messina risponde

A
A
A
Massimiliano Carrà di Massimiliano Carrà20 febbraio 2020 | 15:38

Ubi Banca: fusione con Bpr in vista?

L’Offerta pubblica di scambio di Intesa Sanpaolo-Unipol, come prospettata, appare ostile, non concordata, non coerente coi valori impliciti di Ubi e dunque inaccettabile”. È questo la dura e ferma risposta che arriva dal Car, il patto di consultazione tra azionisti di Ubi che raccoglie circa il 18% dell’istituto guidato da Victor Massiah.

Nel comunicato stampa, diffuso alla conclusione della riunione andata in scena questa mattina, gli azionisti del Car hanno anche sottolineato che “Ubi è una banca sana, stabile, redditizia, ben gestita per competenze, e risorse umane, competitiva e conosciuta sul mercato di riferimento, realtà centrale per il sistema socioeconomico del Paese”.

È importante ricordare che nel Car ci sono: la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo (il primo azionista singolo di Ubi con il 5,95%), Fondazione Banca del Monte di Lombardia (3,95%), Polifin e famiglia Bosatelli con il 2,85%, Next Investment (famiglia Bombassei), P4P Int e famiglia Pilenga, Radici Group e famiglia Gianni Radici, Scame e famiglia Andreoletti, accreditati di una quota, ciascuno, di circa l’1%. Infine la famiglia Gussalli Beretta con la cassaforte Upifra.

Messina: Intesa Sanpaolo non alzerà l’offerta per Ubi

La risposta negativa da parte del Car di Ubi ha lasciato interdetto Carlo Messina. L’ad di Intesa Sanpaolo in un’intervista rilasciata a Bloomberg ha rispedito al mittente le accuse, dichiarando: “È singolare definire la proposta ostile. L’unico modo di fare un’acquisizione è fare una proposta e poi discutere in modo positivo o negativo”.

“Questa – continua Messina – è un’operazione di mercato. Non ci sono discussioni con i singoli investitori. Saremo felici se aderiranno alla proposta”. Inoltre, l’ad di Intesa Sanpaolo ha anche rivelato che la possibilità di rivedere il prezzo della proposta è praticamente nulla, anche se – come dichiara lui stesso – “non so cosa il board deciderà, sono liberi di decidere quel che è meglio per gli azionisti”.

Infine, anche se Messina si è detto “molto positivo” sul successo dell’ops, qualora Ubi non dovesse accettare l’offerta, ha rivelato che Intesa Sanpaolo non prevede un piano b, o meglio, “continuerà a portare i risultati prospettati, anche perché il gruppo è già molto forte”.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fideuram, i top manager mettono mano al bonus contro il virus

Coronavirus e banche, il dividendo non si tocca (per ora)

Intesa-Ubi, cosa cambia dopo il coronavirus

Intesa Sanpaolo, un premio per chi lavora in filiale

Affare Intesa-Ubi, tutti i punti di forza per gli analisti

Coronavirus, Intesa chiude le filiali nella zona rossa

Intesa-Ubi, Massiah non getta la spugna

Intesa Sanpaolo-Ubi, previste almeno 5 mila uscite di dipendenti

Intesa Sanpaolo, utili a pioggia con fondi e polizze

Intesa Sanpaolo dalla parte delle mamme

Intesa Sanpaolo, la banca arriva in tabaccheria

Intesa Sanpaolo si espande nel ramo Vita

Intesa Sanpaolo, wealth management all’ombra del dragone

Intesa Sanpaolo è la miglior banca italiana per Global Finance

Intesa Sanpaolo, utile in calo nel terzo trimestre

Intesa Sanpaolo, niente tassi negativi sui conti

Intesa Sanpaolo, fino a 117 milioni di bonus per i bancari

Intesa e Azimut, i veri big del dividendo

Banche, il risveglio dei bond

Intesa Sanpaolo, un utile da incorniciare

Intesa coccola le startup

Intesa Sanpaolo: il bond rende meno del btp

Intesa Sanpaolo scende in campo nel crowdfunding

Nuovi esuberi a Intesa Sanpaolo

Intesa fuori dal risiko europeo delle aggregazioni

Intesa Sanpaolo rilancia sulle polizze

Intesa, pronta la lista per il cda

Consulenti ibridi, Intesa Sanpaolo continua ad assumere

Intesa San Paolo a caccia di private banker in Svizzera

Diamanti in banca, partono i rimborsi

Truffa diamanti, “margini fino al 18% per la banche”

Borsa, un 2019 pieno di cedole

Intesa, frenano asset management e private banking

Ti può anche interessare

Morgan Stanley, terzo trimestre super per l’investment management

L’ investment management di Morgan Stanley archivia un terzo trimestre del 2019 con una cresci ...

Consulenti: tra radiati e sospesi, a marzo triplica il lavoro della vigilanza

Ci eravamo lasciati a febbraio con 2 provvedimenti di sospensione e una radiazione, per un totale di ...

Credem: banca e rete, sinergie vincenti

Tre categorie di professionisti per andare incontro alle esigenze del cliente e più del 30% dei ric ...