Fideuram Ispb, Corcos sale al comando

A
A
A
Avatar di Redazione 28 Febbraio 2020 | 10:30

Adesso il cambio ai vertici di Fideuram Ispb è realtà. Come ha annunciato la società con una nota, a partire da lunedì 24 febbraio hanno avuto efficacia i cambiamenti in capo alla Divisioni Private Banking come erano stati anticipati lo scorso 26 dicembre: il CdA di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking, quindi, ha formalizzato la nomina di Paolo Molesini a presidente e di Tommaso Corcos ad amministratore delegato e direttore generale.

Tommaso Corcos ha così commentato: “È per me un onore prendere la guida della Divisione Private del Gruppo Intesa Sanpaolo. Il primo pensiero va ai miei nuovi colleghi: donne e uomini che, sotto l’eccellente guida di Paolo Molesini, hanno reso Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking un punto di riferimento per l’intero mondo della consulenza finanziaria. La cultura aziendale che si respira nella nostra Divisione è una fonte di ricchezza straordinaria che intendo valorizzare anche in futuro, mettendo a fattor comune le competenze di ognuno. Posso contare su un patrimonio umano e professionale di altissimo livello, grazie al quale continueremo a garantire un modello di servizio sempre più competitivo e al passo coi tempi”.

Contestualmente, Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking ha altresì comunicato tutti i numeri del 2019 in cui il gruppo ha registrato un totale di masse amministrate al livello record di 242,7 miliardi di euro, in crescita del 14% rispetto all’inizio dell’anno (213,1 miliardi), una raccolta netta totale pari a 10,9 miliardi (10,2 miliardi nel 2018, +7%) ed una raccolta netta di risparmio gestito a 4,6 miliardi (3,6 miliardi nel 2018, +28%). Il numero complessivo dei private banker è pari a 5.834 unità, con un portafoglio medio di circa € 42 milioni (in crescita rispetto a € 36 milioni di inizio anno). Le commissioni nette si attestano sui 1.747 milioni di euro, in crescita del 3% rispetto al 2018 (1.695 milioni) ed il Cost/Income ratio scende al 31%, migliorando il livello raggiunto nel 2018 (32%). L’utile netto consolidato segna il nuovo massimo storico di 906 milioni, in crescita del 9% rispetto al 2018 ed l’elevata solidità patrimoniale, ampiamente al di sopra dei requisiti normativi, si esprime con un Common Equity Tier 1 ratio al 19,2%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fideuram, un trimestre da incorniciare

Fideuram sedotta dalla “scheggia di vetro”

IWBank, un possibile nuovo addio all’orizzonte

NEWSLETTER
Iscriviti
X