Coronavirus, Credem punta sulla qualità degli attivi

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia23 marzo 2020 | 11:43

La diversificazione dei business, la capacità di attivare sinergie tra gli stessi, la tecnologia, la qualità del credito e soprattutto quella delle nostre persone sono le “armi” con cui affronteremo questo momento difficile e staremo vicini a tutti i nostri clienti.

Queste le parole di Francesco Reggiani, direttore commerciale di Credem Banca, in un post Linkedin.

In questo periodo molto delicato caratterizzato dall’emergenza Coronavirus e dalle conseguenti difficoltà economiche Credem decide di tirare fuori gli artigli.

Come si legge su un articolo del Sole 24 Ore, la banca emiliana decide da un alto di diversificare il proprio business ampliando i propri servizi a pmi e clientela retail e dall’altro di mantenere alta l’attenzione sulla qualità degli attivi.

La società infatti ha deciso di offrire soluzioni tecnologiche a sostegno delle imprese (soprattutto di piccole dimensioni) come la fattura elettronica o l’archiviazione telematica. Attività che si pongono in sinergia con la  cosiddetta strategia del’ “open banking”, ovvero la realizzazione, da parte di Credem, di un’architettura informatica che, attraverso protocolli standard, è capace di “interagire”, comprando soluzioni sul mercato, con le tecnologie di terzi. In questo modo l’istituto ha un doppio vantaggio: incassa la commissione, offrendo un servizio in più, e non è costretto ad ulteriori investimenti.

L’articolo prosegue con la decisione di Credem di focalizzarsi sulla qualità degli attivi.  Alla fine del 2019, l’istituto ha stimato un rapporto tra i crediti deteriorati lordi e gli impieghi lordi al 3,76%, una percentuale inferiore rispetto quella del sistema bancario italiano (7,33% al 30/9/2019). Inoltre il flusso netto dei crediti problematici lordi è in negativo in ogni trimestre da oltre tre anni. Infine il costo del credito (senza considerare la componente titoli) resta in linea con il 2018 a 24 punti base. Da questi numeri emerge una situazione positiva riguardo all’asset quality. Tuttavia l’attuale situazione induce ad ipotizzare un possibile impatto sulla qualità degli asset.

Credem però non si abbatte. All’interno del gruppo esiste infatti una task force che monitora settori e mercati anche per verificare il merito di credito della clientela e periodicamente vengono effettuati stress test sul portafoglio crediti. L’istituto emiliano ricorda il suo posizionamento su aziende e clienti retail di qualità. Fattori che rendono Credem, sul fronte dell’asset quality, più resiliente rispetto al sistema.

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, le banche unite contro il Covid-19

Coronavirus, siamo alla fine dell’inizio?

Consulenti, quali opportunità nella Cina post Coronavirus

Coronavirus e banche, il dividendo non si tocca (per ora)

Coronavirus, scure di Moody’s sull’outlook di 15 banche italiane

Consulenza finanziaria: come gestire 4 clienti tipo durante l’emergenza coronavirus

Consulenti, la vera natura del Coronavirus

Coronavirus, 12 misure per i consulenti

Coronavirus, il gestito non chiude

Coronavirus, 5 milioni di aiuti da Ubi

Coronavirus, i sindacati bancari chiedono la chiusura delle agenzie

Consulenza finanziaria: come stare vicino ai clienti al tempo del coronavirus

Coronavirus, è il momento di investire sulle banche

Coronavirus, bazooka Fed: tassi a zero

Coronavirus, Kairos: noi compriamo azioni

Coronavirus, la ricetta del consulente

Coronavirus, nonna cerca di truffare le Poste

Coronavirus e consulenza, la voce degli assistenti inascoltati

Coronavirus, sorpresa Boe: tagli i tassi

State Street, un Q&A sul Coronavirus

Coronavirus, tutti gli aiuti digitali ai consulenti

Coronavirus, Bufi (Anasf): “La Borsa non va chiusa”

Consulenza finanziaria e coronavirus: come gestire il panico degli investitori

Consulente, il decalogo per la formazione ai tempi del Coronavirus

Consulenti, i veri esperti di virus finanziari

Coronavirus, Unicredit Tower si tinge dei colori della bandiera italiana

Coronavirus, Poste Italiane riapre nelle zone rosse

Coronavirus, la mail di Ennio Doris ai clienti

Coronavirus, consulenti italiani ripartiamo insieme!

Coronavirus, Credem sostegno alle famiglie colpite dall’emergenza

Coronavirus, il Salone del risparmio rischia di slittare a giugno

Coronavirus, un consulente di Codogno si racconta

Coronavirus, Buffett non ha paura

Ti può anche interessare

Banca Mediolanum: convention 2019, la cronaca completa

Inizia alle 9 presso Pala Alpitur. Corso Sebastopoli, 123, Torino, la convention 2019 di Banca Medio ...

Credem a passo di blockchain

Nelle ultime settimane alcuni studenti della sezione IV del Liceo Ariosto Spallanzani di Reggio Emi ...

Reti Champions League: giornata da incorniciare per Pietrafresa e Giuliani

Dopo un giugno vissuto con poche sorprese, la settimana giornata di Reti Champions League verrà ric ...