Coronavirus, Credem punta sulla qualità degli attivi

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia 23 Marzo 2020 | 11:43

La diversificazione dei business, la capacità di attivare sinergie tra gli stessi, la tecnologia, la qualità del credito e soprattutto quella delle nostre persone sono le “armi” con cui affronteremo questo momento difficile e staremo vicini a tutti i nostri clienti.

Queste le parole di Francesco Reggiani, direttore commerciale di Credem Banca, in un post Linkedin.

In questo periodo molto delicato caratterizzato dall’emergenza Coronavirus e dalle conseguenti difficoltà economiche Credem decide di tirare fuori gli artigli.

Come si legge su un articolo del Sole 24 Ore, la banca emiliana decide da un alto di diversificare il proprio business ampliando i propri servizi a pmi e clientela retail e dall’altro di mantenere alta l’attenzione sulla qualità degli attivi.

La società infatti ha deciso di offrire soluzioni tecnologiche a sostegno delle imprese (soprattutto di piccole dimensioni) come la fattura elettronica o l’archiviazione telematica. Attività che si pongono in sinergia con la  cosiddetta strategia del’ “open banking”, ovvero la realizzazione, da parte di Credem, di un’architettura informatica che, attraverso protocolli standard, è capace di “interagire”, comprando soluzioni sul mercato, con le tecnologie di terzi. In questo modo l’istituto ha un doppio vantaggio: incassa la commissione, offrendo un servizio in più, e non è costretto ad ulteriori investimenti.

L’articolo prosegue con la decisione di Credem di focalizzarsi sulla qualità degli attivi.  Alla fine del 2019, l’istituto ha stimato un rapporto tra i crediti deteriorati lordi e gli impieghi lordi al 3,76%, una percentuale inferiore rispetto quella del sistema bancario italiano (7,33% al 30/9/2019). Inoltre il flusso netto dei crediti problematici lordi è in negativo in ogni trimestre da oltre tre anni. Infine il costo del credito (senza considerare la componente titoli) resta in linea con il 2018 a 24 punti base. Da questi numeri emerge una situazione positiva riguardo all’asset quality. Tuttavia l’attuale situazione induce ad ipotizzare un possibile impatto sulla qualità degli asset.

Credem però non si abbatte. All’interno del gruppo esiste infatti una task force che monitora settori e mercati anche per verificare il merito di credito della clientela e periodicamente vengono effettuati stress test sul portafoglio crediti. L’istituto emiliano ricorda il suo posizionamento su aziende e clienti retail di qualità. Fattori che rendono Credem, sul fronte dell’asset quality, più resiliente rispetto al sistema.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Per i fondi di private debt la pandemia è un vero affare

Coronavirus, le questioni sociali guideranno i cambiamenti aziendali

Consulenti, il coronavirus sarà letale per la globalizzazione?

AcomeA SGR: “Coronavirus, un’opportunità per investire in Italia”

Consulenti, la mossa vincente contro il coronavirus

Coronavirus, il consulente che ha vinto la malattia

Consulenti, prestate attenzione all’eurozona

Consulenza finanziaria: 3 argomenti da trattare coi clienti ai tempi del coronavirus

Consulenti, il Coronavirus non ferma le radiazioni

Coronavirus, la crisi finanziaria di Marzo 2020 è la più rapida della storia

Coronavirus, Intesa Sanpaolo porta a 50mld le risorse per l’Italia

Coronavirus, Baretta: “Per Dl Imprese, le banche diano una mano”

Consulenti, quale via di uscita dal Coronavirus?

Coronavirus, Banca Generali dalla parte delle aziende in difficoltà

La lettera di Fineco ai suoi clienti durante l’epidemia di coronavirus

Consulenti, le banche unite contro il Covid-19

Coronavirus, siamo alla fine dell’inizio?

Consulenti, quali opportunità nella Cina post Coronavirus

Coronavirus e banche, il dividendo non si tocca (per ora)

Coronavirus, scure di Moody’s sull’outlook di 15 banche italiane

Consulenza finanziaria: come gestire 4 clienti tipo durante l’emergenza coronavirus

Consulenti, la vera natura del Coronavirus

Coronavirus, 12 misure per i consulenti

Coronavirus, il gestito non chiude

Coronavirus, 5 milioni di aiuti da Ubi

Coronavirus, i sindacati bancari chiedono la chiusura delle agenzie

Consulenza finanziaria: come stare vicino ai clienti al tempo del coronavirus

Coronavirus, è il momento di investire sulle banche

Coronavirus, bazooka Fed: tassi a zero

Coronavirus, Kairos: noi compriamo azioni

Coronavirus, la ricetta del consulente

Coronavirus, nonna cerca di truffare le Poste

Coronavirus e consulenza, la voce degli assistenti inascoltati

Ti può anche interessare

Coronavirus, nonna cerca di truffare le Poste

Sembra proprio che anche nei momenti di emergenza non si fermino le persone che trovano ogni stratag ...

Anasf, le prime parole del nuovo presidente Luigi Conte

Eletto all’unanimità, Luigi Conte oggi è stato nominato nuovo presidente Anasf. Dopo aver ri ...

Abi, quarto mandato per Patuelli. Tutti i nomi del comitato esecutivo

Antonio Patuelli è stato riconfermato per il quarto mandato consecutivo alla guida dell’Abi, ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X