Consulenza finanziaria: come gestire 4 clienti tipo durante l’emergenza coronavirus

A
A
A
Avatar di Simona Politini 26 Marzo 2020 | 08:30

Quando i mercati cadono in maniera così ripida e precipitosa come abbiamo visto, c’è un reale senso di smarrimento tra gli investitori che vedono calare il valore dei propri portafogli. È qui che la consulenza diventa preziosa per garantire una visione obiettiva e a lungo termine dei portafogli di investimento.

Che i tuoi clienti siano ansiosi, paurosi, esigenti o acquisiti da poco, il tuo compito, oggi più di sempre, è quello di star loro vicino e condurli per mano lungo la strada migliore per uscire da questo momento indiscutibilmente critico senza contraccolpi economici, anzi, per quanto possibile, facendo crescere le loro ricchezze col minimo rischio.

Si sa, i consulenti finanziari devono essere un po’ psicologi per creare empatia coi clienti i quali affideranno alle loro mani i propri soldi. Ecco dunque, caro consulente, come gestire alcune categorie tipo di clienti.

Come gestire l’investitore ansioso

Se ti trovi difronte ad un investitore ansioso, suggeriscigli di non soccombere sotto i titoli e i tweet quotidiani che inducono al panico pubblicati senza sosta dai media che si occupano di business. Di contro, tu potresti impegnarti nell’invio di una sorta di rassegna stampa via email dove quotidianamente selezionerai le notizie più importanti sulle quali realmente focalizzarsi. Concludi la tua rassegna con una breve  personale valutazione critica e un suggerimento d’azione.

Come gestire l’investitore pauroso

È noto come la paura faccia compiere spesso passi falsi e questo non è proprio il momento di farsi prendere dal panico. Data l’incertezza sui mercati causata dalla pandemia di Covid-19, molti investitori sentono il bisogno di dirigersi verso le uscite e “incassare”, questa però è in definitiva una strategia perdente. Tu lo sai bene, ma devi cercare di farlo comprendere anche ai tuoi investitori più emotivi. Mostra al tuo cliente lo storico di come hanno reagito rapidamente i mercati nel corso delle precedenti epidemie e spiegagli con calma e chiarezza come con una diversificazione intelligente del portafoglio è possibile ridurre al minimo il rischio di mercato.

Come gestire l’investitore esigente

In questo periodo il mercato sta registrando balzi a una velocità record, e l’investitore esigente si aspetta da te il massimo della prontezza di reazione e di risultati. Lo so, in un momento intenso di stress, alcune volte il tuo desiderio potrebbe essere quello di mettere in un angolo questa tipologia di clienti. Niente di più sbagliato, ricordati che l’effetto passaparola di un cliente scontento potrebbe causare un danno sostanziale alla tua carriera e che, viceversa, rispondere alle necessità di un cliente di questo tipo potrebbe rivelarsi una strategia vincente in ottica di acquisizione di nuovi investitori. I clienti esigenti sono anche i primi che amano “vantarsi” della riuscita delle proprie scelte, anche consulenziali. La tua bravura, in questo caso, consisterà nel farti trovare sempre preparato sulle fluttuazioni del mercato che andranno ad interferire sui suoi investimenti, ma, al tempo stesso, fargli comprendere che vendere-e-comprare freneticamente non è la strategia giusta in questo momento.

Come gestire i nuovi clienti

Appena prima della crisi generata dalla diffusione del coronavirus hai acquisito un nuovo cliente. Una doppia fortuna: primo perché è sempre un bene avere un nuovo cliente secondo, e veniamo a noi, perché “i veri professionisti si vedono nel momento di difficoltà”. Il tuo obiettivo con lui deve essere: capire chi hai davanti e agire di conseguenza. Fatti vedere pronto a rispondere alle sue esigenze o dubbi. Istituzionalizza con lui dei canali di contatto periodici (per esempio via email o via videoconferenza), specificando il fatto che in questo momento delicato stai intensificando la tua presenza proprio per supportare i tuoi investitori. Ogni tuo sforzo percepito come “eccezionale” verrà apprezzato il doppio e sarà ricordato in tempi di pace.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Robo advisor vs consulenti, Consob rivela quando il cliente preferisce gli umani

Consulenza, terremoto Google

Consulenza, quando un cognome ti condanna

Coronavirus, le reti si stanno dimostrando forti

Coronavirus, consulenti italiani ripartiamo insieme!

Consulente finanziario: 4 cose da non fare mai ai tuoi clienti

Consulenza finanziaria 2020: le sfide più importanti da affrontare

Consulenza finanziaria: 5 motivi per amare questa professione, oltre i guadagni

Consulenti e risparmiatori italiani, un rapporto fermo al palo

Consulente finanziario, i 3 motivi per convincere i clienti indecisi

Consulenza, ecco cosa vogliono i nuovi clienti private

8 abitudini di successo nella consulenza finanziaria

Consulenza finanziaria: pianificazione successoria, un argomento tabù per molti ricchi

Consulente finanziario: sette consigli per intraprendere la professione

Consulente finanziario: 4 cose che la gente vuole davvero da te

Consulenti finanziari, come avere successo: cosa non fare mai con i clienti

Consulenti, voi farete la fine dei dinosauri

Il lungo cammino dell’advisor: i portafogli raddoppiano

Consulenti, una chimera chiamata trasparenza dei costi

Consulenti a caccia di una legittimazione

Mediolanum: i numeri raccontati da Massimo Doris

Allianz Bank, gestito e vita per un 2018 da ricordare

Banca Generali, masse record e l’utile batte le stime

Mediolanum, la consulenza non s’inventa

Ma quanto mi costi?

Consulenza? Sconosciuta. E non si vuole pagarla

Consulenza finanziaria, elogio della liquidità

Sezioniamo la consulenza finanziaria

La check list di buona advice

Consulenza finanziaria in semplicità

Consulenti, accelera la Vigilanza all’OCF

Mifid 2, big a Catania per parlare di educazione e consulenza

Mifid 2, il giorno dopo: all’ITForum big delle reti a confronto

NEWSLETTER
Iscriviti
X