Coronavirus, dividendo UniCredit in freezer

A
A
A
Andrea Giacobino di Andrea Giacobino 30 Marzo 2020 | 08:35
Mustier primo banchiere in Italia a seguire la direttiva Bce di congelare la cedola almeno fino a ottobre. Lo seguono Banca Generali e Banca Mediolanum. E domani sarà seguito da Intesa.

Il Coronavirus fa congelare i dividendi delle banche italiane. La prima a muoversi è stata Unicredit che ha seguito la recente direttiva della Bce di fermare la distribuzione delle cedole “almeno fino all’ottobre 2020”. La ragione, da parte di Francoforte, è quella di permettere agli istituti di essere vicini alle piccole e medie imprese e alle famiglie in un momento così difficile, evitando di usare la liquidità in cassa per dividendi e buyback.

E così ieri il cda del gruppo guidato dall’amministratore delegato Jean Pierre Mustier(nella foto)Jean Pierre Mustier, ad Unicredit, riunito ieri in via straordinaria, ha deciso di ritirare, senza modificare l’ordine del giorno dell’assemblea degli azionisti convocata per il 9 aprile a porte chiuse, la proposta di deliberare su tre punti: il primo è la distribuzione di un dividendo per l’esercizio 2019 di 0,63 euro per azione a valere sulle riserve di utili, il secondo, invece, l’autorizzazione all’acquisto di azioni proprie fino a 467 milioni di euro (non superiori a 67 milioni di azioni della banca) e il terzo l’annullamento delle azioni proprie. La banca, tuttavia, offrirà alle sue Fondazioni azioniste finanziamenti dedicati a condizioni favorevoli fino a un valore pari all’ammontare dei dividendi.

 

Il congelamento del dividendo è stato seguito stamane da analoga decisione di Banca Generali e Banca Mediolanum e sarà molto probabilmente seguito domani da Intesa Sanpaolo che riunisce il consiglio d’amministrazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

UniCredit-Mps, l’apertura di Padoan: “Ipotesi sarà valutata”. E Rocca Salimbeni vola in Borsa

Unicredit, Mustier rinuncia alla buonuscita

Unicredit, da Valeri a Ermotti e Barrese. I nomi per il dopo Mustier

NEWSLETTER
Iscriviti
X