Consulenti, il vero virus che minaccia l’industria

A
A
A
Andrea Giacobino di Andrea Giacobino 10 Aprile 2020 | 10:34

L’industria italiana della consulenza finanziaria dovrà affrontare presto un’emergenza paragonabile quasi al maligno Coronavirus. Dati alla mano, infatti, dal 2017 al 2018 i cf sotto i 30 anni iscritti all’Albo sono precipitati a 911 unità (-13,2%) mentre quelli fra 30 e 39 anni sono scesi a 5.433 (-4,90%). A controbilanciare l’emorragia della “linea verde” c’è stato l’aumento dei professionisti compresi tra i 50 e i 65 anni, cresciuti a 28.032 del 5,70% e più della metà del totale dei consulenti abilitati all’offerta fuori sede che nel 2018 sono stati stabili a 55.335 unità (-0,9%).

Ma l’ultima relazione annuale Ocf, relativa al 2018, ha evidenziato che il 56,6% degli iscritti all’Albo aveva almeno 50 anni, mentre l’1,6% aveva meno di 30 anni. Un dato che parla da solo. Come favorire il ricambio generazionale? Nicola Ronchetti su questo giornale ha appena lanciato l’idea intelligente della necessità di un trovare un “testimonial” per attrarre i giovani verso questa professione che negli anni passati ha goduto di notorietà, prestigio e visibilità. “Faccio una proposta: noi reti dobbiamo formare una academy collettiva in collaborazione con le università e Anasf”, così ha suggerito opportunamente Paolo Martini, amministratore delegato di Azimut Holding. Del resto il 90% delle banche-reti pensa che l’inserimento di cf giovani sia una delle priorità nel medio-lungo periodo e così ciascuno s’è attrezzato per conto suo. Praticamente tutte le società coinvolte hanno accolto e/o fatto da chioccia a neo consulenti under 30 ma per una frazione inferiore all’1% dei professionisti nel proprio organico: poca roba, insomma.

L’industria sta viaggiando, inconsapevole come il Titanic, verso due iceberg: la compressione dei margini reddituali di cui c’è un vago sentore da un lato e, dall’altro, il passaggio del testimone della ricchezza dai baby boomers ai millennial con scelte d’investimento che potranno riservare amare sorprese. In questo scenario doppiamente sfidante la tentazione di non puntare nell’immediato sull’inserimento dei giovani è forte, perché si tratta di fare un investimento che non si ripaga subito. E, ovviamente, men che meno c’è la motivazione a lanciare un’iniziativa di sistema lasciando invece le cose come stanno: consulenti sempre più vecchi che sono invecchiati con i loro clienti sempre più vecchi. Mai come ora, invece, l’industria dovrebbe gettare il cuore oltre la montagna di utili ancora generata lo scorso anno e chiedersi come favorire concretamente, e non solo negli slogan dei convegni, l’inserimento di nuovi giovani consulenti proprio per attrarre nuovi giovani clienti. Non basta strombazzare, e meno che mai in tempi di coronavirus, le potenzialità dei nuovi prodotti “illiquidi” per assicurarsi ancora a lungo la rendita di posizione di cui le società hanno finora goduto. L’assunzione di responsabilità per costruire fin d’ora il futuro dell’industria della consulenza non può e non deve passare, tuttavia, solo dagli azionisti e dai top manager delle banche-reti. Sarebbe opportuno, infatti, che i più avveduti cf “senior” si facessero parte diligente e dimostrassero di avere una visione generazionale di lungo periodo per quel business che li ha fatti ricchi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, ecco le paure dei clienti ai raggi X

Consulenti, che errori sugli indipendenti

Consulenti, lo scoglio dei finanziamenti

AAA cercasi consulente per risparmio ingente

Consulenti, le novità di Whatsapp Business possono esservi utili

Consulenti e Facebook, differenze tra profilo e pagina professionale

Consulenti e risparmio, l’antidoto contro la paura

Consulenti, cosa succede ai clienti se l’Scf viene radiata

Consulenti timidoni, tre regole per fare rete

Consulenti, la scadenza Irpef slitta al 20 luglio

Consulenti, tre consigli per trovare clienti sui social

Consulenti, 11 lezioni di finanza spicciola – Il mistero del denaro

Consulenti, un moto perpetuo per la crescita

Consulenti, così potete gestire meglio il vostro tempo

Consulenti, guadagni a doppia cifra con i fondi alternativi

Consulenti, preparatevi all’arrivo della cam-bank

Consulenti, ecco come cambieranno i tuoi clienti dopo il Covid-19

Consulenti, come preparare in anticipo i vostri contenuti di marketing

Consulenti, il cliente italiano gioca in difesa

Consulenti, cosa c’è per voi nel DL Rilancio

Consulenti, 5 consigli d’oro per fare incetta di clienti

Consulenti, ad aprile torna il bonus da 600 euro

Fideuram Ispb: exploit dell’amministrato, la trimestrale ringrazia

Consulenti, guida per usare gli hashtag a vostro favore

Consulenti, scriveteci la vostra storia originale

Consulenti e smart working, occhio ai pirati del web

Consulenti, essere ambiziosi non basta

Consulenti, occhio alle facili occasioni sul petrolio

Consulenti, il Coronavirus non ferma le radiazioni

Garanzia statale, come avere il prestito in banca

Consulenti e reti, la rivoluzione dei canali digitali

Consulenti, il contributo annuale Ocf si paga a maggio

Consulenti, 5 regole d’oro per investire ai tempi del coronavirus

Ti può anche interessare

La gufata del venerdì: siamo sull’orlo di una crisi di liquidità del credito

Robot che accrescono la propria influenza, fondi a gestione passiva che spopolano, banche centrali c ...

Ubi Banca, accelerata sull’open banking

UBI Banca ha scelto Fabrick, l’attore nato per promuovere nuovi modelli bancari in ottica di op ...

Banche, arriva l’offensiva di Google Cache e dei big social

Google entra nel settore bancario con Cache, il conto corrente di Google in collaborazione con Citig ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X