Azimut, Giuliani e soci pronti all’azione

A
A
A
Avatar di Redazione 15 Aprile 2020 | 19:32
Continuano le operazioni di Timone Fiduciaria, la holding che riunisce gli azionisti del Patto di sindacato, intenzionati a crescere ancora nel capitale del gruppo. I soci si sono riuniti oggi per decidere i dettagli del prossimo acquisto di titoli: verrà comprato un pacchetto di azioni per 60 milioni di euro che, ai prezzi di Borsa attuali, equivale a circa il 3% del capitale, portando così il Patto attorno al 22,5%.

Nuova mossa di Timone Fiduciaria per crescere nel capitale di Azimut. Oggi i soci della holding attorno alla quale si è formato il Patto di sindacato del gruppo si sono riuniti per decidere i dettagli dell’ operazione che porterà Timone a comprare altre azioni di Azimut Holding, incrementando così la quota detenuta (vedi qui le ultime notizia già pubblicate da Bluerating). Il pacchetto acquistato avrà un valore di 60 milioni di euro di cui il 50% sarà supportato da un finanziamento bancario.

AI prezzi di Borsa attuali, l’operazione di rafforzamento di Timone Fiduciaria in Azimut Holding riguarderebbe il 3% circa del capitale del gruppo di risparmio gestito. Ai valori di Borsa odierni, 13,3 euro, l’investimento permetterebbe al patto di salire da poco meno del 20% fino a circa il 22,5% del capitale. Nella seconda parte di febbraio Timone aveva ceduto l’1,78% di Azimut a 23,7 euro per azione con un incasso complessivo di 60 milioni circa.

Un comunicato della stessa Timone (che è presieduta dal fondatore del gruppo, Pietro Giuliani, nella foto)  ha fatto sapere che sono “in fase di completamento le procedure di raccolta degli impegni di partecipazione all’operazione da parte degli attuali aderenti al Patto e da nuovi colleghi del Gruppo Azimut non ancora aderenti, che manifesteranno l’interesse a partecipare all’operazione”. Giuliani e soci, insomma, crescono ancora.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut punta sulla corporate finance

Martini (Azimut): “Essere Private Banker 3.0”

Azimut, ecco la scatola dei Pir

Azimut, un master per i nuovi wealth manager

Martini (Azimut): “Trasformate i vostri clienti in fan”

Azimut, la raccolta cresce con la spinta americana

Azimut ed Epic, doppio assist per l’Udinese

Consulenti, banche reti a prezzo di saldo

Banche e reti, nel 2020 è sempre domenica

Azimut, dieci regole per essere un consulente guida

Azimut Libera Impresa, affare modenese nella ceramica

Risparmio gestito, che forza Azimut e Mediolanum

Banche reti, potenze a confronto numero per numero

Banche reti, chi è già in pista con i Pir alternativi

Azimut: la raccolta va, tra Australia e alternativi

Azimut, più forza negli States grazie a Genesis

Reti e gestori: che cuccagna la performance fee

Consulente-terapista, per Martini (Azimut) questo è il futuro

Consulenti, l’ufficio è superato. Parola di Martini

Martini (Azimut) ha la soluzione per il denaro sprecato degli italiani

Azimut, Martini vuole la carica dei consulenti social

Giuliani (Azimut), la correzione e la regola di un terzo

Azimut, raccolta di fuoco e ritorno di fiamma

Azimut, un dividendo è per sempre e il reclutamento vola

Azimut si espande negli Usa con una fetta di Kennedy Lewis

Risparmio gestito, Generali stacca tutti. Morgan Stanley e Mediolanum inseguono

Perfomance fee, Azimut e il colpaccio di giugno 

Reti e remunerazione, promossi e bocciati per BlackRock

Martini (Azimut): “BTp Futura, meglio pensarci due volte”

Azimut, impennata della raccolta

Top 10 Bluerating: Azimut campione delle Commodity

Azimut, arriva il fondo senza tasse

Pro capite, a maggio i migliori cf sono di Fideuram

NEWSLETTER
Iscriviti
X