Foti annuncia raccolta e trimestrale importanti, aspettando il dividendo in autunno

A
A
A
Avatar di Redazione 29 Aprile 2020 | 09:57

Si è tenuta lo scorso 28 aprile l’assemblea di Fineco che ha approvato alla quasi unanimità dei presenti il bilancio del 2019 (con il 99,14% dei voti). ‘Le percentuali di espressione di voto in assemblea sono state favorevoli e straordinarie in considerazione del fatto che siamo una public company a capitale diffuso e granulare’, ha commentato Foti ripreso da Radiocor. “Abbiamo registrato una presenza di piu’ del 70% del capitale e tutti i punti all’ordine del giorno sono stati approvati con maggioranze abbondantemente oltre il 90%”, ha sottolineato ancora il manager. Fineco ha chiuso il 2019 con un utile netto rettificato per le poste non ricorrenti in aumento del 10% a 268,8 milioni di euro. L’utile netto si è attestato a 288,4 milioni (19,5% anno su anno), incluso il beneficio fiscale derivante dal patent box stimato in circa 22 milioni, i ricavi totali sono cresciuti a 657,8 milioni, del 2,2%.

Il cda ha provveduto a nominare anche il nuovo board, che vedrà come futuro presidente, Marco Mangiagalli. Invece Enrico Cotta Ramusino, il presidente uscente, ha salutato i soci di Fineco, nel suo ultimo giorno da presidente, “dopo diciotto anni e cinque mesi che lavoro in azienda”.

Sempre Alessandro Foti, ha ribadito nel corso dell’assemblea dei soci che ‘la banca ritiene di essere nelle condizioni di procedere alla distribuzione di un dividendo e per questo convochera’ un’assemblea ordinaria dopo il primo ottobre per deliberare sulla distribuzione di un dividendo’ della stessa entità di quello già stabilito a febbraio e poi sospeso, ossia di 0,32 euro per azione, a meno che ovviamente le autorita’ (Bce e Banca d’Italia) emettano diversa disposizione, dopo quella emessa lo scorso 27 marzo che raccomandava la sospensione delle cedole per far fronte alla diffusione del coronavirus.

Lo stesso ad di Fineco, nel corso di un colloquio con Radiocor, ha annunciato soddisfazioni in ottica prospettica, sia sul fronte della raccolta che su quello di bilancio: “Non posso dare anticipazioni sui numeri del primo trimestre, che pubblicheremo il prossimo 11 maggio, ma posso dire che la società sta andando molto bene e posso confermare che sta registrando risultati importanti e robusti, con una crescita importante sia dei ricavi, sia del risultato di esercizio. Direi che i risultati del primo trimestre saranno importanti e tali da renderci ottimisti per il proseguo dell’anno. Siamo convinti che Fineco sarà in grado raggiungere gli obiettivi indicati per il 2020 sia in termini di crescita dei ricavi, sia di utile netto”. Inoltre “annunceremo una raccolta di aprile che sarà importante e che confermerà il trend già evidenziato a marzo, con l’aggiunta che ad aprile è stato registrato anche un ritorno importante al risparmio gestito, mentre a marzo c’era stata una raccolta netta robusta, ma in prevalenza verso la liquidità o il risparmio amministrato”.

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Finecobank, consulenza sempre più digitale e un trimestre al top

Fineco, raccolta sempre forte e un asset management da record

Fineco, un poker d’assi per la rete

NEWSLETTER
Iscriviti
X