Banche, se chiedi aiuto il telefono squilla a vuoto

A
A
A
Avatar di Redazione 4 Maggio 2020 | 10:07
In base a un’indagine del Codacons, quasi 6 filiali su 10 non danno risposta alle imprese che vogliono accedere ai prestiti garantiti dalla Stato italiano. E l’associazione denuncia la Banca d’Italia.

Il Codacons denuncia la Banca d’Italia e il sistema bancario nel suo complesso. A motivare l’azione, sostiene l’associazione a tutela dei consumatori, sono i risultati di un’indagine condotta dallo stesso Codacons sul tema delle banche e dei prestiti da 25mila euro in favore delle imprese. L’associazione ha infatti condotto un monitoraggio per verificare come le banche rispondano alle richieste delle imprese che vogliono accedere al credito garantito previsto dal Decreto n. 23/2020, scoprendo che su 301 filiali contattate dal Codacons, ben 171 (ossia il 56,8% del totale) nemmeno rispondono al telefono. Anche se nelle ultime ore l’Abi si è mossa con un testo unico semplificato per accelerare l’erogazione dei prestiti alle imprese e snellire la burocrazia.

In queste ore di grandi difficoltà, negli ultimi giorni si sono moltiplicate le richieste di aiuto di imprese che denunciano lungaggini burocratiche apparentemente insuperabili. “Il quadro che emerge”, denuncia il Codacons nel suo comunicato, “è inquietante, ed evidenzia una scarsa formazione del personale delle varie banche da parte degli organi competenti (Abi e Bankitalia in primis) che finisce, in troppe occasioni, per fare gli interessi degli istituti, rendendo i prestiti un vero e proprio labirinto dove le imprese fanno fatica a muoversi. Molti gli ostacoli posti all’erogazione del credito, che spesso anche in buona fede viene negato a chi non è già correntista della banca, in totale spregio delle disposizioni vigenti e aggravando la situazione di crisi di migliaia di attività in tutto il paese, mentre in questo momento le banche dovrebbero dimostrare massima collaborazione, correttezza e sostegno a chi ne ha bisogno”.

Per presentare i risultati dell’indagine, con tanto di risposte registrate, il Codacons ha organizzato una conferenza stampa alla quale sono state invitate a partecipare anche Abi, Banca d’Italia e Consob. Inoltre, si legge sempre sul comunicato dell’associazione, “verrà illustrata una denuncia contro Bankitalia e il sistema bancario presentata dal Codacons affinché si vigili sul comportamento degli istituti di credito e si sanzioni qualsiasi violazione delle norme, anche con formale segnalazione alle Procure della Repubblica per i reati di Rifiuto di atti d’ufficio, Interruzione di pubblico servizio, Inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità, Inadempimento di pubbliche forniture. Oltre ad una diffida al Fondo di Garanzia istituito presso il Mise affinché intervenga per dare seguito entro 48 ore alle richieste delle aziende”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Caso Lambri, prima assistenza gratuita di Codacons

Ti può anche interessare

Oggi su BLUERATING NEWS: dividendi messi da parte

Non perdete la puntata di oggi di Bluerating News, in diretta su Bfc alle 19.00 e disponibile in pod ...

Enasarco dalla parte degli alluvionati

Il Presidente Gianroberto Costa, anche a nome di tutto il Consiglio di Amministrazione della Fondazi ...

Oggi su BLUERATING NEWS: super tagli all’orizzonte per Unicredit

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X