Intesa-Adiconsum, un confronto per semplificare i prestiti

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Maggio 2020 | 11:49
Oggi si è tenuto l’incontro tra Adiconsum e Intesa Sanpaolo: sul tavolo miglioramente della messa a terra di quanto previsto dal Dl Cura Italia e criteri più flessibili per l’erogazione dei crediti.
Migliorare il sostegno a famiglie e imprese in questo momento di crisi, con criteri più flessibili per l’erogazione dei crediti e altre iniziative. Si è tenuto sotto questo auspicio l’incontro del 5 maggio tra Adiconsum, l’associazione difesa consumatori e ambiente, e i vertici della Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo. La riunione è stata l’occasione per fare il punto sulle iniziative messe in campo per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. Un incontro che si è risolto con la soddisfazione delle controparti e con la promessa, da parte di Intesa Sanpaolo, di garantire la rapida attuazione delle iniziative a sostegno di clienti e cittadini così come indicate da Adiconsum.
“Nel complesso delle attività illustrate”, ha detto Danilo Galvagni vice presidente di Adiconsum, “vi è stata una sostanziale condivisione di quanto attuato dalla Banca per far fronte, in questa fase delicata, alle istanze di famiglie, lavoratori e imprese”.

“Non sono mancate, da parte di Adiconsum”, ha sostenuto invece Carlo Piarulli responsabile nazionale credito, “le evidenze riscontrate sul territorio della difficoltà, in fase iniziale, della messa a terra di quanto previsto dal DL “Cura Italia”, sia in materia di modalità per l’anticipo della Cassa Integrazione che di sospensione del pagamento delle rate dei mutui”.

“A questo riguardo la Banca, al fine di garantire la rapida attuazione delle iniziative a supporto dei clienti e dei cittadini, relative ai limiti da noi evidenziati”, continua Piarulli, “ha illustrato l’introduzione dei processi semplificati a supporto degli operatori nelle filiali”.

Sono state infatti attivate Task Force dedicate (con il coinvolgimento, a regime, di oltre 2.500 risorse) che, a partire da inizio aprile, sono a supporto delle filiali per la gestione delle richieste nelle fasi di verifica documentale ed interfaccia con le controparti governative. Si sono inoltre sviluppati iter procedurali parzialmente automatizzati per lo smaltimento delle pratiche, il congelamento delle garanzie e l’approvazione rapida delle richieste di sospensione pagamento rate e di finanziamento.

“Adiconsum, prendendo atto con soddisfazione del sostanziale miglioramento sia delle modalità attuative delle procedure che della velocizzazione delle richieste di famiglie e imprese – conclude Galvagni –  ha evidenziato sia la necessità di individuare criteri più flessibili nell’erogazione del credito, stante i dati di incremento dell’usura del 9% nel solo mese di marzo 2020, che di implementare, in questa fase emergenziale, modalità semplificate in caso di pratiche inerenti la “successione” a fronte dell’alto numero di vittime, in particolare in Lombardia”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Unicredit e Adiconsum sulla strada dell’educazione finanziaria

CNP Unicredit Vita dovrà rimborsare i clienti

Alla carica contro le banche

NEWSLETTER
Iscriviti
X