Il Coronavirus pesa su Intesa

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Maggio 2020 | 14:19
L’istituto guidato da Carlo Messina accantona 1,5 miliardi per gli impatti da Covid 19 nell’intero esercizio. Cala l’utile della divisione private banking

Primo trimestre dell’anno tra luci e ombre per il gruppo Intesa Sanpaolo, alle prese con i primi impatti della crisi da Coronavirus. Se, infatti, da una parte nei primi tre mesi del 2020 l’utile netto è arrivato a toccare 1,15 miliardi di euro (+9,6% sul primo trimestre 2019), dall’altra però la divisione private banking – tramite Fideuram e le sue controllate – ha ottenuto un risultato netto pari a 227 milioni, in decrescita di quasi l’8% rispetto ai 242 ottenuti nel quarto trimestre 2019 e del 2,2% rispetto ai 232 dello stesso periodo dell’anno precedente. L’istituto di Ca‘ De Sass ha inoltre fatto sapere l’ammontare degli accantonamenti per fare fronte ai possibili impatti da Covid-19 per l’intero esercizio: 1,5 miliardi ante imposte.

Questo è il quadro emerso dalla presentazione dei conti consolidati al 31 marzo 2019 del gruppo guidato da Carlo Messina, che nel frattempo ha dichiarato di voler continuare con sempre maggiore convinzione il percorso per l’acquisizione di UBI Banca: “Riteniamo che una significativa generazione di valore sia ampiamente realizzabile anche nel caso di adesione del solo il 50% + 1 azione di UBI”, ha detto il ceo nella sua dichiarazione a margine della presentazione.

Messina ha infine fatto cenno agli obiettivi del gruppo per l’anno in corso: “Prevediamo per il 2020 un utile netto pari ad almeno 3 miliardi di euro, mentre per il 2021 la previsione è di almeno 3,5 miliardi di euro. Allo stesso tempo contiamo di mantenere una solida patrimonializzazione con un Common Equity ratio superiore al 13%”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

IWBank PI, Corcos si presenta alla convention

Fideuram e Sanpaolo Invest, otto acquisti di peso a settembre

Fideuram vara il nuovo statuto

Fideuram conquista la preda svizzera

Banche e reti, nel 2020 è sempre domenica

Oggi su BLUERATING NEWS: Fideuram domina

Raccolta, Fideuram in testa. Allianz Bank FA al top nel gestito

Fideuram, poker di arrivi tra Lombardia e Toscana

Banche reti, potenze a confronto numero per numero

Raccolta, Fideuram Ispb in testa a luglio. Fineco regna nel gestito

Banche reti, chi è già in pista con i Pir alternativi

Risparmio gestito, Eurizon e Fideuram vanno in fuga

Fideuram Ispb, dove investono I clienti

Truffa Conte, la voce dei nostri lettori e quella di Bluerating

Il truffatore di Conte? Un ex Fideuram

Fideuram, Corcos e i lavori in corso per il private di Ubi

Fideuram, l’utile si restringe. Bene la raccolta

Intesa, Fideuram e Eurizon in frenata

Pro capite, a maggio i migliori cf sono di Fideuram

Raccolta: Fideuram mette tutti in fila

Sanpaolo Invest e quei consulenti che non servono più

Fideuram e Sanpaolo Invest, poker di reclutamenti a maggio

Pir, dal cf al risparmiatore: il pensiero di Corcos e Doris

Reti e consulenti, dopo la fase 1 è arrivato il momento delle pagelle

Consulenti: tutti i bonus dei big, rete per rete

Top 10 Bluerating: Fideuram regina degli attaccanti dell’area Euro

Raccolta: Fineco è super, Mediolanum la tallona

Fondi, la riscossa di aprile. Intesa torna a mostrare i muscoli

Molesini (Fideuram), carica a Venezia nel nome della cultura

Investimenti, 6 strategie dei big delle reti a confronto

Terremoto in Fideuram

Fideuram, tutti i reclutamenti da inizio anno

Risparmio gestito, trimestre impossibile a causa del Covid-19: Poste, Pictet e Ubs paladini della resistenza

NEWSLETTER
Iscriviti
X