Banca Mediolanum, raccolta sprint e l’utile resiste

A
A
A
di Redazione 7 Maggio 2020 | 12:41
L’andamento dei mercati incide sulle masse gestite e amministrate, ma non ferma la performance finale dell’istituto che rimane in linea con il primo trimestre 2019.

Un utile in linea con il primo trimestre del 2019 e raccolta netta a 739 milioni di euro nel mese di aprile. Sono i conti dei primi tre mesi del 2020 di Banca Mediolanum, un istituto che pur tra le difficoltà del virus è riuscita a mantenere la sua redditività. Il cda ha infatti approvato un Resoconto Intermedio di Gestione con un utile netto di 72,2 milioni. Nonostante la raccolta tonica, le masse gestite e amministrate si sono attestate a 78.569 milioni, in linea con lo stesso periodo del 2019 ed in calo del 7% rispetto al 31 dicembre. Un risultato causato – spiega Mediolanum nel comunicato ufficiale – dalla repentina correzione dei mercati a livello globale per via della pandemia che “ha impattato in maniera significativa le masse gestite e la valutazione degli investimenti al fair value”. Nel periodo, sottolinea sempre la nota, si è registrato un incremento del margine operativo del 12% a 99,5 milioni e del margine di contribuzione, +9% a 263,1 milioni, “grazie alla forza del modello di business e alla crescita dei ricavi ricorrenti, alla quale hanno contribuito i grandi risultati commerciali ottenuti sin da inizio anno in termini di raccolta netta – in particolare gestita – di erogazione del credito e premi legati alle polizze protezione”.

Banca Mediolanum ha inoltre comunicato in dettaglio i risultati commerciali ottenuti nel mese di aprile 2020: la raccolta netta totale di gruppo – come già anticipato – ammonta a 739 milioni, mentre la Raccolta Netta in Risparmio Gestito si attesta a 585 milioni, di cui 480 milioni in fondi azionari, risultato per il quale l’istituto guidato da Massimo Doris elogia “l’efficacia e l’unicità della strategia di consulenza dei nostri Family Banker”.

Di seguito, riportiamo nel dettaglio i principali risultati comunicati dal gruppo:

Il totale delle Masse Gestite e Amministrate si attesta a € 78.469 milioni, in linea con lo stesso periodo del 2019 ed in calo del 7% rispetto al 31 dicembre;

Gli effetti di mercato sono stati mitigati dalla sostenuta Raccolta Netta Totale, positiva per € 3.294 milioni, di cui €2.890 milioni relativi alla componente amministrata, per larga parte ottenuta grazie alla promozione sulla nuova liquidità portata dai clienti e vincolata per 6 mesi al tasso del 2% annuo;

Per quanto riguarda la Raccolta Netta Gestita, questa ha raggiunto € 404 milioni, positiva anche nel mese di marzo quando il settore ha registrato forti deflussi;

Gli Impieghi alla clientela retail del Gruppo si attestano a € 10.638 milioni, in crescita del 16% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e del 3% rispetto al 31 dicembre 2019;

I Crediti Erogati nel corso del trimestre ammontano a € 622 milioni, il 2% in più rispetto all’anno precedente;

I Premi Assicurativi delle Polizze Protezione, inoltre, hanno raggiunto € 25,8 milioni nel trimestre, con la nuova produzione delle Polizze non legate al credito in crescita del 122% rispetto al 2019;

Il Common Equity Tier 1 Ratio al 31 marzo 2020 è pari al 18,8%, confermandosi uno dei più alti tra i Gruppi Bancari italiani;

Il totale dei Family Banker del Gruppo al 31 marzo 2020 è pari a 5.238;

Il totale dei Clienti al 31 marzo 2020 si attesta a circa 1.477.000.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Reclutamenti, Mediolanum domina. Per Fideuram uscite in doppia cifra

Consulenti, ecco le banche-reti più “cattive”

Banca Mediolanum, un record estivo

NEWSLETTER
Iscriviti
X