Giuliani (Azimut): niente paura per l’utile

A
A
A
Avatar di Redazione 12 Maggio 2020 | 13:05
Il presidente del gruppo, intervistato dal Sole 24 Ore: “In questo momento è ora di ripensare gli investimenti”.

Nonostante il periodo complicato sui mercati, il patron di Azimut Pietro Giuliani rivede solo in minima parte le previsioni per 300 milioni utile nel 2020. “Il nostro utile netto è stato di 48,5 milioni, con una perdita di 15 milioni dovuto alle minusvalenze dei titoli in possesso alla proprietà”, ha detto il presidente del gruppo in un’intervista rilasciata al Sole 24 Ore parlando dei conti trimestrali, “non li considero persi, ma solamente un investimento valorizzato male”. Giuliani dunque mantiene l’obiettivo di utile della sua società nei dintorni dei 300 milioni previsti a inizio anno: “Non rivediamo le previsioni. Alla cifra prevista, tolgo solo i 15 milioni cui accennavo prima e le commissioni di performance che non abbiamo incassato, ma i conti prospettici rimangono positivi”.

Quindi il fondatore del gruppo Azimut si è soffermato sull’analisi della situazione attuale: “La paura si è ridimensionata e ora che progressivamente il lockdown sta terminando, salvo ricadute, ci si focalizza su come siano investiti i soldi alla luce di quello che potrà accadere soprattutto da un punto di vista economico”. In questo senso, Giuliani non pare essere molto positivo: “In Gran Bretagna sia la BoE, sia il primo ministro prevedono un calo del Pil del 25%. O loro sono troppo pessimisti oppure noi, con una stima del -9,5%, siamo troppo ottimisti. Quindi oggi c’è grande attenzione su cosa fare se il mondo dovesse entrare in una fase di depressione. Non dimentichiamo che quello che è accaduto da un punto di vista soprattuto economico è la crisi più grave dopo il 1929”.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, dieci regole per essere un consulente guida

Azimut Libera Impresa, affare modenese nella ceramica

Risparmio gestito, che forza Azimut e Mediolanum

Banche reti, potenze a confronto numero per numero

Banche reti, chi è già in pista con i Pir alternativi

Azimut: la raccolta va, tra Australia e alternativi

Azimut, più forza negli States grazie a Genesis

Reti e gestori: che cuccagna la performance fee

Consulente-terapista, per Martini (Azimut) questo è il futuro

Consulenti, l’ufficio è superato. Parola di Martini

Martini (Azimut) ha la soluzione per il denaro sprecato degli italiani

Azimut, Martini vuole la carica dei consulenti social

Giuliani (Azimut), la correzione e la regola di un terzo

Azimut, raccolta di fuoco e ritorno di fiamma

Azimut, un dividendo è per sempre e il reclutamento vola

Azimut si espande negli Usa con una fetta di Kennedy Lewis

Risparmio gestito, Generali stacca tutti. Morgan Stanley e Mediolanum inseguono

Perfomance fee, Azimut e il colpaccio di giugno 

Reti e remunerazione, promossi e bocciati per BlackRock

Martini (Azimut): “BTp Futura, meglio pensarci due volte”

Azimut, impennata della raccolta

Top 10 Bluerating: Azimut campione delle Commodity

Azimut, arriva il fondo senza tasse

Pro capite, a maggio i migliori cf sono di Fideuram

Azimut, grande mossa sui Private Investment

Fineco e Azimut, le reti più scalabili

Azimut pesca un asso nel Private

Reti e consulenti, dopo la fase 1 è arrivato il momento delle pagelle

Azimut, la corporate advisory per consulenti e imprese

Azimut, la raccolta prosegue positiva anche a maggio

Azimut, l’alternativo al passo con le start up

Azimut: tra religione ed elicotteri, le domande impossibili a Giuliani

Azimut, un nuovo successo per il corporate finance

NEWSLETTER
Iscriviti
X