Intesa-Ubi, si accende il faro dell’Antitrust

A
A
A
di Redazione 13 Maggio 2020 | 11:07
Secondo l’Athority, potrebbe crearsi una posizione dominante anche nel settore del risparmio gestiti e amministrato. L’esito dell’istruttoria entro la fine di giugno.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato vuole vederci chiaro sulla possibile acquisizione di Ubi Banca da parte di Intesa Sanpaolo. Come riporta Il Sole 24 Ore, l’Antitrust ha avviato un’istruttoria e ha dato mandato alla Guardia di Finanza di acquisire i documenti nelle sedi di Intesa, Ubi Banca e Mediobanca, che svolge il ruolo di advisor dell’operazione. Il procedimento di verifica dovrebbe dare esito entro la fine di giugno.

L’indagine, ha fatto sapere l’autorità, è giustificata “in considerazione dell’importanza dell’operazione e l’istruttoria è volta a verificare i possibili effetti sulle dinamiche concorrenziali nei mercati bancari, finanziari e assicurativi, nazionali e locali”. Del resto, l’acquisizione della quarta banca italiana da parte della prima, andrebbe inevitabilmente ad alterare lo status quo: da un lato, fanno notare dall’Antitrust, l’acquisizione di Ubi priverebbe il sistema di un operatore di medie dimensioni che in un futuro non remoto avrebbe potuto fungere da polo di aggregazione, dall’altro l’operazione farà venir meno la sostanziale simmetria fra Intesa e Unicredit, con l’importante crescita della prima.

Più nel dettaglio, l’Ops potrebbe determinare “la creazione o il rafforzamento di una posizione dominante in alcuni mercati provinciali della raccolta, degli impieghi alle famiglie produttrici-piccole imprese, nei mercati degli impieghi alle imprese medio-grandi e degli impieghi agli enti pubblici, nei mercati nel settore del risparmio gestito, amministrato, nonché nei mercati assicurativi”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Intelligenza artificiale, il ruolo fondamentale di media e politica antitrust

Banche, gli incentivi alle fusioni sotto la lente Ue. In attesa dello sblocco dei dividendi

Utility, ok dall’Antitrust alla fusione A2a-Aeb e rimosso rischio di stop all’M&A pre-gare nel settore

NEWSLETTER
Iscriviti
X