Lettera di un consulente: mi licenzio e cambio vita

A
A
A
Avatar di Redazione 15 Maggio 2020 | 10:12
Si chiama Marco Peirotti ed è diventato un libero professionista da pochi mesi. Prima ha lavorato in banca, è stato direttore di filiale e private banker. Poi ha deciso di cambiare vita per regalare ai suoi clienti una consulenza vera ed evoluta, sfruttando la tecnologia per diffondere l’educazione finanziaria.

Lasciare il certo per l’incerto in nome di un sogno è una cosa nobile. Ed è quello che ha fatto, coraggiosamente, Marco Peirotti. Lavorava in banca, è stato direttore di filiale e private banker. “A fine gennaio 2020 ho deciso di lasciare il mio posto per diventare un professionista”, racconta nella sua lettera, “avevo voglia di mettere il cliente al centro della mia attività professionale”. Così è stato e durante il lockdown ha sfruttato l’occasione per organizzare salotti online con i clienti e per progettare pillole di educazione finanziaria online completamente gratuite e dedicate a tematiche specifiche. A Bluerating abbiamo avuto il piacere di ricevere la sua storia nell’ambito della rubrica lanciata nelle scorse settimane da questa testata (leggi qui per partecipare). Nella sua lettera, che riportiamo di seguito, ci racconta per filo e per segna la sua storia.

Buongiorno, con piacere accolgo la vostra proposta per raccontare come sto vivendo l’attuale situazione.

Parlando di tempismo credo, questa volta, di aver dato il mio contributo. 

A fine gennaio 2020 ho deciso di lasciare il mio posto in banca di Private Banker per diventare un Professionista. Avevo voglia di mettere il cliente al centro della mia attività professionale. Ho sottoscritto quindi un mandato con una delle realtà più solide a livello nazionale.

Dopo 17 anni di esperienza in banca, con ruoli di responsabilità crescente da Direttore di Filiale a Private Banker passando per Responsabile di Area, avevo chiaro che il cliente necessita di Consulenza vera. L’altra cosa che avevo capito è che il mondo Private e Corporate stanno convergendo sempre più. Il cliente, specie se Imprenditore, necessita di una Pianificazione Patrimoniale integrata che tenga conto non soltanto del proprio patrimonio famigliare ma anche di quello imprenditoriale. 

Dopo qualche mese, ecco l’inizio di una crisi che certamente ricorderemo a lungo. Questa esperienza, ancora una volta, mi sta facendo capire come ogni crisi generi anche enormi opportunità. Abbiamo il dovere di saperle cogliere. Come non mai ho sentito che i miei clienti necessitavano del mio supporto per affrontare una situazione che certamente genera tensioni concrete ma ancor di più emotive. Come sempre accade nelle difficoltà ho ricordato che sono i fondamentali a fare la differenza: ho puntato su Formazione, mia e dei miei clienti, e su una Pianificazione Patrimoniale di lungo Periodo. 

Grazie alla tecnologia, oltre a poter intervenire in qualsiasi momento sui portafogli, ho organizzato dei Salotti on-line per i miei clienti, a breve partiranno delle Pillole di Educazione Finanziaria, on-line e completamente gratuite, dedicate a tematiche specifiche. 

Sapere è potere, anche questa volta sarà così.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

1 commento

  • Avatar Giampiero says:

    Una domanda all’eroico consulente…. Prima di questo passo il cliente non era al centro della attività professionale ?

Ti può anche interessare

Consulenti e Btp Futura, come spiegarlo al cliente

Le cose da sapere sulla prossima emissione di Buoni del Tesoro con rendimenti legati al Pil. ...

Enasarco, presentate le liste elettorali

Lo scorso 15 novembre, alle ore 15, è scaduto il termine di presentazione delle liste elettorali. C ...

Caso Lambri, confessioni di un cliente tradito

“Non preoccuparti Giovanni, i soldi ci sono”. Antonella Lambri, la ormai ex consulente d ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X