Ubi, la banca non si arrende all’acquisizione

A
A
A
di Redazione 20 Maggio 2020 | 10:29
Un comunicato dell’istituto guidato da Victor Massiah spiega perché l’Ops di Intesa dovrebbe essere sospesa da Consob.

Questa aggregazione non s’ha da fare. Ubi Banca e i suoi legali si giocano le loro carte di fronte a Consob per frenare l’avanzata di Intesa Sanpaolo, intenzionata a portare a termine l’acquisizione della quarta banca italiana. Ne avevamo dato notizia ieri, riportando un articolo del Sole 24 Ore (leggi qui). La banca guidata da Victor Massiah è ora ritornata sulla questione con un comunicato, confermando di avere richiesto formalmente la sospensione dell’Ops alla Consob e spiegandone i motivi.

L’istituto lombardo, nella sua nota, ha negato che gli effetti del covid-19 abbiano “contribuito a far deteriorare il profilo finanziario e creditizio” di Ubi Banca. I legali dell’istituto, tuttavia, sostengono che, a causa della pandemia, l’ops sia divenuta inefficace, poiché sarebbe verificata la condizione mac (material adverse clause): “UBI Banca ha evidenziato le ragioni per le quali ritiene che, verificatasi la c.d. condizione MAC, l’OPS è divenuta inefficace e l’Offerente si sarebbe dovuto esprimere tempestivamente sulla rinuncia a tale condizione” – si legge sulla nota ufficiale diramata dall’istituto – “non potendo invece ISP riservarsi, come ha fatto fin qui, di confermare se l’offerta è valida oppure no al termine del processo, perché l’offerta è e deve essere irrevocabile e l’ordinamento non tollera che l’autonomia gestionale di UBI Banca, l’andamento del mercato e le scelte degli investitori siano indebitamente ridotte o distorte da una offerta che non ha quelle caratteristiche di irrevocabilità richieste dalla legge”.

Il fatto è che, fa notare Il Sole 24 Ore, l’offerta per il momento non è ancora formalmente partita. Pertanto la Consob non può ancora pronunciarsi sull’Ops e che lo farà quando il processo sarà arrivato alla fine e, solo a quel punto, ne valuterà l’approvazione.

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banche, c’è bisogno di un cambio di rotta

Caso Ubi, richieste di condanna

Fideuram sedotta dalla “scheggia di vetro”

NEWSLETTER
Iscriviti
X