Credem, il nuovo corso del wealth management

A
A
A
Avatar di Redazione 20 Maggio 2020 | 10:35

Euromobiliare Advisory SIM (EA SIM), Euromobiliare Asset Management SGR e  Credemvita, società dell’Area Wealth Management del Gruppo Credem che si occupano di fornire soluzioni di investimento, avviano un progetto congiunto denominato “ESG Transition”, con il coordinamento di EA SIM, che ha come obiettivi principali consolidare e sviluppare ulteriormente la Corporate Social Responsibility e quindi una cultura aziendale della sostenibilità, un’integrazione dei criteri ESG nel processo di investimento e lo sviluppo di modelli di comunicazione sempre più conformi verso la comunità finanziaria e la clientela.

Il progetto prevede una road map ad obiettivi progressivi che vedrà impegnate per tre anni tutte le strutture dell’area Wealth Management del Gruppo  con l’affiancamento di un advisor dedicato di lunga e consolidata esperienza in questo campo, Raiffeisen Capital Management.

La gamma dei prodotti e servizi di investimento dell’Area Wealth Management del Gruppo Credem già oggi prevede diverse soluzioni con l’applicazione di criteri di sostenibilità, ma l’obiettivo, tramite questa iniziativa, è quello di accelerare ed essere orgogliosamente sempre più protagonisti nel tempo in questo ambito.

“Valutare un’impresa in senso olistico significa oggi verificarne anche l’evoluzione, le dinamiche e gli impatti rispetto a specifici criteri relativi ad ambiente, al sociale e alla governance aziendale. La prassi conferma che i criteri ESG sono caratteri distintivi della qualità di un’azienda nel lungo periodo”, ha commentato Gianmarco Zanetti, Direttore Generale di Euromobiliare Advisory Sim. “Le imprese che integrano nei propri processi questi aspetti sono in generale meglio gestite, più sostenibili ed orientate al futuro. Le imprese con valori ESG elevati sono meglio attrezzate per affrontare le crisi e raggiungono in media risultati migliori e più resilienti delle loro concorrenti. Se inizialmente lo sviluppo in questo ambito appariva più legato a fattori transitori, di moda o legati ad una spinta dell’industry finanziaria, ora l’attenzione è sempre più pervasiva e sta diventando ancor più rilevante per i clienti ed anche per i policy makers, con normative europee in arrivo dal 2021 che sosterranno ulteriormente queste impostazioni. Tra gli aspetti che quest’ultima crisi sta evidenziando, è la sempre maggiore importanza di affiancare alle tecniche di selezione delle società basate sui criteri finanziari anche quelli extra-finanziari. Per evitare però improvvisazioni o forme di “green washing”, continua Zanetti, “il piano che abbiamo strutturato prevede un percorso ad obiettivi progressivi che vedrà impegnate per 3 anni tutte le strutture delle società con l’affiancamento di un advisor dedicato di lunga e consolidata esperienza dello standing di Raiffeisen Capital Management”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche dietro la lavagna: sanzioni quadruplicate nel 2019

Widiba, ecco la nuova certificazione per i consulenti

Ti può anche interessare

Credem, nel 2020 ancora più spinta sul reclutamento

In vista reclutamenti per 80 professionisti tra consulenti finanziari e private banker ...

Banca Generali lancia i nuovi comparti in Lux Im

16 nuove strategie di cui la metà azionarie e nuove deleghe su green energy e life style. ...

Consulenti e reti, la rivoluzione dei canali digitali

Le reti dei consulenti finanziari e le nostre banche hanno dato prova di saper gestire l’emergenza ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X