Reti e consulenza fee only, eliminiamo le barriere

A
A
A
Elio Conti Nibali di Elio Conti Nibali 1 Giugno 2020 | 10:30

Finito il lockdwon non potevamo farci mancare la polemica di giornata. Lo spunto stavolta è stato il reportage di una nota ed apprezzata giornalista d’inchiesta che, sui canali di un autorevolissimo quotidiano, ha puntato l’attenzione sul servizio di consulenza, utilizzando ahimè alcuni stereotipi che ritenevamo ormai superati.

Ha reagito l’Anasf che ha cercato di mettere “i puntini sulle i”, ricordando quello che almeno agli addetti ai lavori appare ovvio: l’indipendenza sta nella stessa prestazione del servizio, fatto ormai assodato e riconosciuto anche dal regolatore.

Ma la polemica, il botta e risposta, soprattutto in questo periodo, è sterile e non fa andare avanti neanche di un passo.
Bisogna invece riflettere sul perché ancora oggi vigono tanti luoghi comuni, perché autorevoli giornalisti sconoscono l’esistenza di un Albo, perché si fa tanta confusione sui termini e sulle definizioni che certamente hanno una importanza non solo formale.

Perché, in poche parole, siamo quanto a comunicazione ed a relativa percezione della qualità del servizio -e dei professionisti che a vario titolo lo svolgono- ancora al livello di dieci anni fa.

Un decennio in cui tutti si sono battuti per equiparare il campo di gioco, per dare ruolo e definitiva regolarità all’attività degli autonomi e delle società di consulenza, attraverso l’ampliamento delle sezioni di OCF, garantendo certezze al mercato ed ulteriori possibilità per i risparmiatori.

Un’offerta del servizio di consulenza quindi ampia e che tra i suoi attori annovera, non dimentichiamolo, migliaia di cf abilitati che svolgono la loro attività come dipendenti di intermediari. E’ questa la categoria che cresce di più negli ultimi anni, i dati sono facilmente rintracciabili, ed e’ quella che con tutta probabilità crescerà di più nel prossimo futuro anche per gli effetti delle nuove modalità di lavoro e di contatto con la clientela.

E non è un caso che anche le rappresentanze istituzionali si siano modificate ed ormai da tempo Assonova siede sia nell’Assemblea dei soci di OCF che nel Comitato direttivo.

Quindi un mondo vasto, variegato, che può affrontare la sfida della consulenza senza primogeniture ed evitando la corsa a chi voglia sentirsi più bello e più bravo.
Lo stesso OCF, in riuscitissime recenti campagne di comunicazione, ha posto al centro il consulente finanziario tout court, riferimento del risparmiatore nell’individuare le soluzioni per i suoi obiettivi di vita.
La ricchezza della vigente regolamentazione sta proprio nella possibilità di individuare l’interlocutore scegliendo tra modalità di offerta diverse ma non antagoniste.

Ma se questo è il quadro attuale -e se non è sufficientemente noto chiediamoci noi perché non riusciamo a comunicarlo bene- il compito degli operatori e dei loro rappresentanti e’ anche quello di cercare di fare passi in avanti.

E’ trascorso quasi un anno da quando a Torino, sul palco di una edizione dell’Efpa forum, il segretario generale di Assoreti Tofanelli si disse convinto che dovesse essere eliminato l’obbligo di separazione per le reti che vogliano svolgere il servizio di consulenza indipendente oltre quella non indipendente.
Una proposta a mio avviso intelligente e che potrebbe aprire scenari nuovi ed un deciso ampliamento delle opportunità, in primis per i risparmiatori.
Non mi pare però di avere notato particolare attenzione per questa proposta.
Forse e’ il momento di riavviare il dibattito.
Sono imminenti momenti rilevanti che impegneranno le associazioni rappresentative dei professionisti: quali migliori occasioni per alzare il livello del confronto su queste e tante altre questioni ?

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

1 commento

  • Avatar giampaolo galiazzo says:

    Perchè preoccuparsi tanto di quanto affermato dalla trasmissione?
    Se dice la verità, la verità nel tempo si affermerà.
    Se non dice la verità, nel tempo si capirà che non si tratta di verità.
    Diamo fiducia alla capacità e indipendenza dei giornalisti, che nel caso hanno dimostrato negli anni entrambe, a meno che non sia proprio questa quella che preoccupa

Ti può anche interessare

Oggi su BLUERATING NEWS: l’alba della consulenza

Tutte le notizie e i protagonisti della giornata ...

Banca Mediolanum, Double Chance per rispondere alla crisi

“Se riuscissimo ad alzare lo sguardo dalla cronaca dei prossimi mesi e a vedere dove saremo tr ...

Moody’s promuove le banche italiane

Moody’s rivede al rialzo il suo outlook sulle banche italiane. L’agenzia di rating statu ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X