Credem, alleanza con l’Università Cattolica per la buona informazione

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Giugno 2020 | 09:54
Parte il progetto Leader 4 Future, promosso da Almed in collaborazione con il Credem. Si occuperà di produrre ricerche sul sistema dell’informazione italiano.

Secondo Eurobarometro 2018, l’85% dei cittadini europei pensa che la diffusione di fenomeni di cattiva informazione rappresenti un problema per il loro Paese: la sovrabbondanza e la ridondanza dei contenuti, l’eccesso di rumore e fenomeni distorsivi – quali le fake news, le bolle informative e le echo chamber – contribuiscono infatti ad alimentare un senso di disorientamento. Per contrastare tale fenomeno appare fondamentale il ruolo dei leader di opinione come soggetti che possano agire in un’ottica di filtro, selezione e contestualizzazione delle news.

Una delle sfide principali che le istituzioni devono raccogliere è quindi identificare le caratteristiche e i modelli di influencing dei nuovi leader di opinione, rendendoli parte attiva dei flussi comunicativiQuesto è l’obiettivo del progetto Opinion Leader 4 Future promosso da Almed (Alta Scuola in Media, comunicazione e spettacolo) dell’Università Cattolica, in collaborazione con Credem (Credito Emiliano).

“In una prospettiva di dialogo e di collaborazione con la società e con le parti sociali”, ha dichiarato Mariagrazia Fanchi, Direttore Almed, “Opinion Leader 4 Future è nato dal confronto e dallo scambio con il Gruppo Credem, ponendosi come primo obiettivo quello di identificare i bisogni, la domanda di conoscenze che le imprese e la società esprimono. Nello spirito della Terza Missione, Università Cattolica, attraverso il sistema delle Alte Scuole di cui Almed fa parte, ha creato un percorso di ricerca per comprendere i processi di creazione dell’opinione”.

Credem sostiene con convinzione la ricerca e il dibattito accademico, e il progetto Opinion Leader 4 Future costituisce un grande potenziale per la creazione di dialogo, confronto e arricchimento per tutta la collettività. L’istituto ha aderito con entusiasmo alla scelta di Almed di portare avanti con decisione questo progetto perché ritiene che una corretta informazione sia alla base della possibilità di porre in essere, consapevolmente, quelle scelte che ciascuno di noi compie giornalmente e che influenzano la nostra vita. Il progetto ha particolare valore poiché lo studio del fenomeno è affrontato dall’Università Cattolica con esponenti accademici di altissimo profilo ed elevate competenze.  

Il progetto partito in questi mesi, prevede uno sviluppo pluriennale e opererà su tre piani interconnessi: la ricerca continuativa, l’osservazione di casi pratici e la disseminazione dei risultati.

  • La ricerca continuativa è finalizzata a comprendere caratteristiche e modalità di funzionamento dei processi di influencing online e offline, attraverso la messa a punto di modelli interpretativi e di nuovi tool di analisi. Si parte con l’identificazione per i diversi cluster generazionali dei luoghi topici della costruzione delle opinioni (istituzioni, arene mediali, community), per poi passare ad analizzare i processi di costruzione della reputazione e di attivazione della fiducia.
  • In parallelo alla ricerca continuativa, l’interpretazione di casi di studio permetterà di testare la validità degli strumenti di analisi individuati e di esplicitare la crescente rilevanza degli opinion leader.
  • Ogni passo dell’indagine verrà raccontato e reso pubblico attraverso un fitto programma di workshop, eventi, attività digitali e continui aggiornamenti social sui canali ufficiali di Almed e Credem con l’hashtag #OpinionLeader4Future. Al progetto è stata anche dedicata un’area specifica del sito dell’Alta Scuola in Media, comunicazione e spettacolo (Almed), in cui si racconteranno i diversi step della ricerca, i dati via via raccolti e si proporranno approfondimenti legati al tema.

«Uno dei principali obiettivi del progetto è alimentare una continua sinergia tra analisi e racconto dei risultati al fine di valorizzare il dialogo tra il mondo accademico, il rigore della ricerca e il mondo delle imprese con le loro logiche di approccio al mercato, trovando per ogni caso differenti e specifiche strategie di disseminazione», ha dichiarato Sara Sampietro, ricercatrice Università Cattolica a cui è affidata la gestione del progetto.

PRIMA CASE HISTORY: La circolazione delle news e la creazione delle opinioni durante il lockdown

Primo banco di prova e sfida della ricerca è stata la messa a sistema di un ampio plesso di studi condotti durante il lockdown sulle direzioni, la velocità e i modi di diffusione delle informazioni. L’approfondimento ha coinvolto professori e docenti dell’Università Cattolica, ricercatori esterni e personalità del mondo dell’editoria e del giornalismo. I contributi raccolti in formato video sono oggi disponibili sul sito del progetto Opinion Leader 4 Future (Almed – Università Cattolica) e offrono un primo affondo sui modi e le forme con cui si costruisce oggi l’opinione, su un tema cruciale come la salute individuale e pubblica.

Dalla lettura trasversale degli interventi sono emersi interessanti spunti di riflessione tra cui l’assenza di una narrazione condivisa per spiegare e inquadrare la crisi, la moltiplicazione degli opinionisti e la costante mutabilità dei trend di opinione. Di fronte alla ridondanza informativa ogni individuo ha provato a mettere in atto processi di ordinamento dei contenuti e di selezione delle fonti, al fine di creare personali modelli interpretativi e orientare i propri comportamenti.

L’autodisciplina e la messa a punto di buone pratiche sembrano quindi rappresentare il corretto strumento per approcciarsi ai nuovi modelli di diffusione dell’informazione. 

IL PROGETTO HA VISTO COME ATTIVI CONTRIBUTORI (in ordine alfabetico):

Piermarco Aroldi, Docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi e Direttore centro di ricerca Osscom; Marialuisa Bionda, CEO di 2B Research & Analysis; Patrizia Cappelletti, ricercatore centro di ricerca ARC; Fausto Colombo, Direttore del Dipartimento di Scienze della comunicazione e dello spettacolo; Federico di Chio, SVP, Corporate Strategy and Marketing Mediaset; Ruggero Eugeni, Docente di Semiotica dei media e Direttore del master di Media relation; Mariagrazia Fanchi, Docente di Cinema, fotografia, televisione e Direttore Almed; Chiara Giaccardi, Docente di Sociologia e antropologia dei media; Marco Lombardi, Direttore del Dipartimento di Sociologia; Mauro Magatti, Docente di Sociologia generale e Direttore del centro di ricerca ARC; Ruben Razzante Docente di Diritto dell’informazione e fondatore del portale www.dirittodellinformazione.itSara Sampietro, ricercatrice per il progetto Opinion Leader 4 Future, Massimo Scaglioni, Docente di Storia dei media e Direttore del master Fare tv; Alberto Stracuzzi, Market Research Director di Blogmeter; Matteo Tarantino, fellow e Docente di Media e reti sociali; Alessandro Tommasi, CEO e co-founder Will_ita;  Luca Tremolada, giornalista de Il Sole 24 Ore.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Credem, il retail banking di domani

Credem, un incontro con la bandiera juventina

Credem e Abi, un webinar per capire i meccanismi delle scelte finanziarie

Credem, una nuova colazione digitale

Credem, al via il negozio online per i clienti

Credem, business e tecnologia in un webinar

Credem, un cornetto insieme alle start up

Risparmio gestito, trimestre impossibile a causa del Covid-19: Poste, Pictet e Ubs paladini della resistenza

Credem, infornata di giovani talenti

Credem, il nuovo corso del wealth management

Credem, Euromobiliare Advisory Sim fa incetta di premi

Credem, con Caricento l’appetito vien mangiando

Credem, l’utile supera i 40 milioni nel primo trimestre

Credemholding, utile in crescita e nomina del nuovo collegio sindacale

Credem, colpo di fulmine per Cassa di Risparmio di Cento

Reti e banche “graziate” dal rating, ma l’outlook fa paura

Banca Euromobiliare, un big del Credem alla presidenza

Credem, sforzi raddoppiati contro il coronavirus

Credem, sette miliardi pronti per famiglie e imprese

Credem, 4 video corsi per aiutare i consulenti durante l’emergenza

Credem valuta la sospensione del dividendo

Credem, più coperture per gli assicurati

Credem, parte l’accademia dei manager coraggiosi

Coronavirus, Credem punta sulla qualità degli attivi

Credem, la consulenza diventa a distanza

Credem, un nuovo asso da Ubi

Credem si illumina di meno

Credem, un aiuto ai consulenti nell’era del Coronavirus

Credem, reclutamento doc da Banca Intermobiliare

Coronavirus, Credem sostegno alle famiglie colpite dall’emergenza

Credem, la forza delle sinergie tra le reti

Consulenza, Credem si rafforza sulla Riviera di Levante

Credem, virata fintech per lo sconto dinamico

Ti può anche interessare

Coronavirus, quanti consulenti in quarantena

Il caso mediatico del Coronavirus impatta anche sui professionisti dell’advisory. Come sappiam ...

Consulente finanziario: 6 cose che non dovresti mai dire ai tuoi clienti

Per diventare un consulente finanziario di successo è prioritario riuscire a creare una relazione d ...

Raccolta, guizzi di Fideuram e Banca Mediolanum a febbraio

Il gruppo Fideuram continua a svettare nella classifiche di raccolta netta, ma nel mese di febbraio ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X