Fineco e Azimut, le reti più scalabili

A
A
A
Avatar di Redazione 23 Giugno 2020 | 11:29
Un articolo di Milano Finanza ha identificato le società a capitale diffuso di Piazza Affari con un flottante superiore al 50%. Le due banche-reti sono tra le più appetibili.

Azimut Holding, FinecoBank e Anima sono tra i gioiellini di Piazza Affari potenzialmente scalabili. A citarli in questa lista è un articolo di Milano Finanza, il quale recita che il 23% delle società quotate alla Borsa di Milano non è blindata al cospetto di una potenziale scalata. Il quotidiano finanziario ha verificato quali sono i gruppi che presentano un flottante superiore al 50%, quali sono gli azionisti di riferimento e quali quote possiedono.

L’articolo cita molte realtà a proprietà diffusa e si sofferma poi sul settore del risparmio gestito, partendo da Azimut. Il gruppo guidato dal presidente Pietro Giuliani ha come riferimento principale Timone Fiduciaria, che riunisce il patto di sindacato dei dipendenti, e che a maggio deteneva il 21%. Tecnicamente la società è scalabile, ma il presidente Pietro Giuliani ha spiegato più volte che in caso di opa ostile la contromossa sarebbe trasferire i consulenti finanziari, cioè il motore della struttura.

Citato come un caso a parte, invece, quello di FinecoBank, molto apprezzata dagli analisti e dal mercato per la sua capacità di essere al contempo una casa prodotto e una piattaforma moderna di trading. Dopo l’uscita di Unicredit dal suo capitale, ora presenta un flottante del 79,7% (BlackRock detiene l’8,833%). Da inizio anno – scrive MF – il titolo ha guadagnato il 12,21% e ora la banca guidata dall’ad Alessandro Foti scambia con un rapporto prezzo/utile di oltre 23. Per fare un confronto, il multiplo di Anima Holding è molto più basso, 9,25, per 1,44 miliardi di capitalizzazione (circa un quinto di Fineco). A inizio giugno Banco Bpm è salito dal 14,672 al 19,4% nel capitale di Anima. L’istituto guidato da Giuseppe Castagna ha così rafforzato il suo ruolo di socio di riferimento, seguito da Poste (10%), River and Mercantile a.m. (5%) e Norges (3%). In tutto si tratta del 37% e la società resta scalabile.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, l’innovazione sulle orme di Elon Musk

Dossier reclutamento 2021 – Azimut, un piano per i millennial (e non solo)

Azimut, un nuovo acquisto d’eccellenza per Libera Impresa

Azimut, Martini tira la volata al fondo digital

Azimut, l’utile fa centro (assieme al reclutamento)

Azimut, ottobre dà buoni frutti e la raccolta supera i 4 miliardi

Procapite, doppietta d’autore per Bnl Bnp Paribas LB

Azimut alla conquista dell’America

Azimut punta sulla corporate finance

Martini (Azimut): “Essere Private Banker 3.0”

Azimut, ecco la scatola dei Pir

Azimut, un master per i nuovi wealth manager

Martini (Azimut): “Trasformate i vostri clienti in fan”

Azimut, la raccolta cresce con la spinta americana

Azimut ed Epic, doppio assist per l’Udinese

Consulenti, banche reti a prezzo di saldo

Banche e reti, nel 2020 è sempre domenica

Azimut, dieci regole per essere un consulente guida

Azimut Libera Impresa, affare modenese nella ceramica

Risparmio gestito, che forza Azimut e Mediolanum

Banche reti, potenze a confronto numero per numero

Banche reti, chi è già in pista con i Pir alternativi

Azimut: la raccolta va, tra Australia e alternativi

Azimut, più forza negli States grazie a Genesis

Reti e gestori: che cuccagna la performance fee

Consulente-terapista, per Martini (Azimut) questo è il futuro

Consulenti, l’ufficio è superato. Parola di Martini

Martini (Azimut) ha la soluzione per il denaro sprecato degli italiani

Azimut, Martini vuole la carica dei consulenti social

Giuliani (Azimut), la correzione e la regola di un terzo

Azimut, raccolta di fuoco e ritorno di fiamma

Azimut, un dividendo è per sempre e il reclutamento vola

Azimut si espande negli Usa con una fetta di Kennedy Lewis

NEWSLETTER
Iscriviti
X