Credem e Abi, un webinar per capire i meccanismi delle scelte finanziarie

A
A
A
Avatar di Redazione 6 Luglio 2020 | 15:24

 Nei giorni scorsi la Banca d’Italia ha presentato i risultati dell’Indagine sull’Alfabetizzazione e le Competenze Finanziarie degli Italiani (IACOFI), condotta nei primi due mesi del 2020 prendendo in considerazione tre indicatori: conoscenze, comportamenti e attitudini.  L’iniziativa, che si inserisce nell’indagine dell’International Network for Financial Education (INFE), attivo in ambito OCSE, ha riguardato in Italia circa 2.000 persone, di età compresa tra i 18 e i 79 anni. Le notizie non sono molto incoraggianti: i 26 paesi partecipanti all’indagine (di cui 12 facenti parte dell’Ocse) hanno ottenuto un punteggio medio di 12,7; i 12 paesi dell’Ocse di 13; l’Italia di 11,2, collocandosi in fondo classifica.

Rispetto alla precedente indagine del 2017, il nostro Paese ha migliorato il profilo delle conoscenze, ma ha peggiorato quello dei comportamenti, mentre quello delle attitudini è rimasto immutato, in linea con gli altri paesi.

Diffondere l’educazione finanziaria presso la popolazione non è impresa facile perché gli argomenti che le sono propri vengono percepiti come complessi e inarrivabili. Ma mai come oggi, dati i pesanti effetti economici della pandemia sulle finanze nazionali e delle famiglie, è indispensabile affrontare in modo lucido e consapevole le scelte relative alle risorse economiche individuali, sia in termini di gestione del quotidiano che nella prospettiva del risparmio e della protezione finanziaria.

Per accrescere le competenze in materia finanziaria, Credem ha promosso una serie di incontri divulgativi dedicati alla finanza comportamentale e aperti agli stakeholder del Gruppo. In particolare, attraverso un format digitale realizzato dalla Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio in collaborazione con i divulgatori scientifici di Taxi1729, saranno analizzati i meccanismi con cui la nostra mente prende decisioni. Il prossimo appuntamento con il digital live talk è fissato per domani 7 luglio alle 17.30 con l’incontro “Decidere nell’incertezza”, al quale prenderanno parte il Presidente di Credem Lucio Igino Zanon di Valgiurata e Paolo Magnani, Coordinatore Area Wealth Management del Gruppo Credem, che risponderanno in diretta alle domande del pubblico. 

Durante i sessanta minuti dell’evento in streaming i partecipanti avranno l’opportunità di avvicinarsi a concetti di educazione finanziaria attraverso percorsi di logica, matematica, psicologia cognitiva e comportamentale, stimolando il confronto tra quello che sarebbe ragionevole scegliere e quello che normalmente scegliamo, anche a causa delle scorciatoie istintive che ci possono condurre fuori strada.

“Come Gruppo Credem promuoviamo con convinzione l’educazione finanziaria poiché siamo convinti che lo sviluppo di competenze individuali sia indispensabile per rafforzare il tessuto sociale del nostro Paese”, ha dichiarato Lucio Igino Zanon di Valgiurata, presidente Credem. “Iniziative come il digital live talk di domani”, ha aggiunto Zanon, “contribuiranno a comprendere meglio i meccanismi in base ai quali ciascuno di noi assume decisioni in ambito finanziario”.

“Il Gruppo Credem mette da sempre al centro persone e competenze”, ha dichiarato Paolo Magnani, coordinatore Area Wealth Management del Gruppo Credem. “In questa collaborazione con FEduF siamo al fianco dei nostri clienti per approfondire insieme alcuni dei concetti indispensabili per affrontare in modo corretto il nostro futuro finanziario. Riteniamo infatti che la base per un rapporto solido, sano e duraturo con i risparmiatori sia una partnership per accrescerne nel tempo le competenze e indirizzarne con professionalità e autorevolezza scelte e comportamenti nell’ambito del risparmio, della previdenza e della protezione. Questa nostra attitudine ed impegno sono ancora più importanti nei momenti di incertezza economica e finanziaria, quale quello che stiamo attualmente attraversando”.

“I recenti dati delle ricerche internazionali rivelano quanto sia urgente un’azione di sistema per la crescita dell’educazione finanziaria degli italiani – ha commentato Giovanna Boggio Robutti, direttore generale della FEduF – La nostra Fondazione, costituita dall’ABI per diffondere la consapevolezza economica in tutte le fasce della popolazione, è da anni impegnata al fianco del Credem per avvicinare, con modalità empatiche e innovative, i cittadini a questi temi, tanto complessi quanto indispensabili per il benessere economico individuale e del territorio”.

L’evento digitale è aperto e accessibile a tutti al linkhttps://live.taxi1729.it/credem-protezione/

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Abi, quarto mandato per Patuelli. Tutti i nomi del comitato esecutivo

Abi, accelerata per semplificare i nuovi prestiti

Bancari, ecco gli aumenti in arrivo

Contratti bancari, Fabi a muso duro

Abi, ok ai tassi bassi

Bancari, il contratto deve affrontare i cambiamenti

Contratto dei bancari, quanti soldi chiedono i sindacati

Bancari, Sileoni spinge per il rinnovo del contratto

Banche, la rivoluzione è iniziata

Consulenti, rivolta contro il contratto ibrido

Spread, Abi lancia l’allarme

Consulenza: offrire “valore” al cliente

L’inutilità delle fusioni bancarie

Ing scatta sull’innovazione

Questionario Mifid 2, Bufi (Anasf) punzecchia Patuelli (Abi) su Twitter

Il presidente Abi a Mediolanum Channel: “Il questionario Mifid 2? Compilatelo da soli”.

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche e assicurazioni, come cambia il mercato

Bancari, stipendi sempre più magri

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Sindacato e banche a confronto sulla rivoluzione del settore

Funding & Capital Markets Forum, big del credito a raccolta a Milano

Funding & Capital Markets Forum, super evento Abi a Milano

Bancari e consulenti finanziari, cresce l’ipotesi di un contratto unico

Abi, sofferenze in calo per le banche italiane

Banche, il governo apre alla lista Patuelli

Meno sofferenze per le banche italiane

ItAgile presenta DocuSign Payments: il nuovo modo di firmare e pagare in digitale

Banche, chiuse mille filiali dall’inizio dell’anno

Prospetti informativi, l’Abi sollecita la Consob: “Pubblicate la raccomandazione”

Patuelli (Abi): “Gli stress test sono astrusi”

Sistemi di pagamento, banche e Fintech: il mercato italiano

Patuelli (Abi): “Il bail-in è incostituzionale”

Ti può anche interessare

SocGen e il rebus Lyxor

Fusione o cessione per Lyxor? Questo è il dilemma di Société Générale. Secondo quanto riportato ...

Consulenti: i giusti requisiti, visti da Federpromm

Si è chiuso ieri 22 novembre il termine ultimo per la presentazione delle osservazioni al documento ...

Mediobanca, Del Vecchio ne prende il 7%

Leonardo Del Vecchio si prende una fetta del capitale di Mediobanca e punta alle Generali. Come ripo ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X