I dubbi del consulente su Btp Futura

A
A
A
Avatar di Hillary Di Lernia 8 Luglio 2020 | 08:30

Nella prima giornata di avvio delle sottoscrizioni, il nuovo Btp Futura, il titolo di Stato riservato ai piccoli risparmiatori ed emesso per dare una smossa al Paese dopo il Covid, ha totalizzato 2,37 miliardi di euro. Il collocamento terminerà il 10 luglio, salvo chiusura anticipata, con le prime 3 giornate comunque garantite per la sottoscrizione.

L’attenzione su questa emissione rimane molto alta e la speranza del Tesoro sembrerebbe quella di bissare il successo dell’ultimo Btp Italia, il titolo legato all’andamento dell’inflazione del nostro Paese, che a fine maggio ha raccolto una cifra record di oltre 22 miliardi di euro, 14 dei quali sono arrivati dai piccoli risparmiatori.

Tutto molto bello, sembra. Ma qualcuno inizia ad avere dei dubbi.

Su Econopoly, blog del Sole 24 Ore, viene riportato un post scritto da Costantino Forgione, consulente finanziario di Fineco, il quale sembra non vedere particolarmente di buon occhio il nuovo Titolo di Stato.

“L’attuale politica di governo volta ad accrescere la quota di debito detenuta dalle famiglie italiane è facilitata dalla limitata cultura finanziaria di queste ultime e dalla incapacità di valutare correttamente i rischi derivanti da una maggiore esposizione nei confronti del paese in cui si risiede ed in cui si è già estremamente esposti.” afferma Forgione.

Avevamo già raccontato di come la cultura finanziaria degli italiani sia tra le peggiori al mondo (Consulenti, i vostri clienti hanno problemi di analfabetismo), e questo può rappresentare un rischio per i cittadini, che per esempio potrebbero non essere così consapevoli dei rischi a cui sono esposti nel momento in cui decidono di investire nei titoli di stato italiani.

Un’altra questione riguarda i rendimenti. “Il BTp decennale standard rende attualmente l’1,26%, le cedole del BTp Futura renderanno l’1,28%, una differenza irrilevante” sottolinea il consulente che aggiunge “Al rendimento cedolare si aggiungerà una sorta di premio fedeltà legato all’andamento del PIL è compreso tra 1% e 3% , laddove il 3% sarà pagato nell’ipotesi che il PIL italiano aumenti mediamente nella stessa misura per i prossimi 10 anni”. A questo punto Forgione fa una riflessione sull’andamento storico del Debito e del PIL italiano e mostra le sue perplessità in merito alla possibilità di quest’ultimo di “aumentare improvvisamente dallo 0,8% medio annuo dell’ultima decade al 3% nella prossima […] ed è quindi improbabile che il premio fedeltà ammonti al 3%, riducendosi verosimilmente all’1% minimo garantito, un 0,1% annuo che porterebbe il rendimento finale all’1,38%” sostiene.

A questo calcolo si aggancia poi anche il tema della ritenuta fiscale e dell’imposta di bolli, che cominciano ad avere un impatto importante sui rendimenti netti. Morale della favola? Un possibile rendimento inferiore a quello del BTp standard.

Per non parlare del fatto che la durata decennale del titolo lo rende molto sensibile ai movimenti dei tassi di interesse.

In poche parole il consiglio del consulente finanziario è evidente: meglio evitare il BTp Futura. E sottolinea che se “la vostra banca ve lo proponesse sappiate che le commissioni previste per l’intermediario sono dello 0,75%“. Forse un consiglio non del tutto disinteressato.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

2 commenti

  • Avatar Pierluigi Romagnoli says:

    Trovo poco edificante l’articolo appena postato. le argomantazioni sono contraddittorie e facilmente confutabili da un qualsiasi risparmiatore evoluto, bancario o consulente di altra rete. Innanzi tutto l’attacco sulle commissioni fa anche sorridere. mediamente le commissioni percepite da un qualsiasi prodotto sottoposto dai CF ai propri clienti costa dieci volte di più (infatti bisogna annualizzare l’Indice Sintetico di Costo). Poi l’assurda motivazione adottata sui bolli (imposta allo 0,20) non è nemmeno da citare viste che colpisce tutto il risparmio gestito tranne le Polizze Assicurative di ramo I. Poi parlare male della duration, del rendimento effettivo a scadenza e della sensibilità ai tassi di interesse del Btp Futura significa parlar male di tutti i BTP. Non solo del Futura.
    Mi sarei aspettato qualche considerazione più profonda sul debito pubblico che sta finendo nelle mani del mercato domestico, per cui a rischio di rivisitazione grazie alle clausole Cacs, ma a quanto pare a Finceo non ci arrivano proprio.
    Saluti

  • Avatar Pierluigi says:

    Trovo poco edificante l’articolo appena postato. le argomentazioni sono contraddittorie e facilmente confutabili da un qualsiasi risparmiatore evoluto, bancario o consulente di altra rete. Innanzi tutto l’attacco sulle commissioni fa anche sorridere. mediamente le commissioni percepite da un qualsiasi prodotto sottoposto dai CF ai propri clienti costa dieci volte di più (infatti bisogna annualizzare l’Indice Sintetico di Costo). Poi l’assurda motivazione adottata sui bolli (imposta allo 0,20) non è nemmeno da citare viste che colpisce tutto il risparmio gestito tranne le Polizze Assicurative di ramo I. Poi parlare male della duration, del rendimento effettivo a scadenza e della sensibilità ai tassi di interesse del Btp Futura significa parlar male di tutti i BTP. Non solo del Futura.
    Mi sarei aspettato qualche considerazione più profonda sul debito pubblico che sta finendo nelle mani del mercato domestico, per cui a rischio di rivisitazione grazie alle clausole Cacs, ma a quanto pare a Finceco non ci arrivano proprio.
    Saluti

ARTICOLI CORRELATI

Martini (Azimut): “BTp Futura, meglio pensarci due volte”

NEWSLETTER
Iscriviti
X