Intesa-Ubi, via libera anche dall’Antitrust

A
A
A
di Redazione 17 Luglio 2020 | 10:46

Arrivato anche l’ok da parte dell’Antitrust. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha autorizzato (si legge in una nota della stessa), con condizioni, l’acquisizione del controllo di UBI Banca da parte di Intesa Sanpaolo. Come era logico pensare, al fine di “risolvere le preoccupazioni emerse in corso d’istruttoria riguardo ai possibili effetti anticoncorrenziali da essa derivanti”, l’authority ha imposto alcune misure di carattere strutturale.

In particolare, Intesa Sanpaolo dovrà cedere oltre 500 sportelli bancari, numero “ben superiore a quanto offerto originariamente” e le cessioni si dovranno realizzare nelle “aree geografiche in cui si registrano le maggiori criticità concorrenziali e saranno rivolte a uno o più operatori indipendenti in grado di disciplinare la nuova ‘entità post merger'”.

Carlo Messina, amministratore delegato di Intesa Sanpaolo si ritiene soddisfatto del lavoro svolto dall’Antitrust, e ritiene che il provvedimento confermi che l’operazione “è pienamente compatibile con la concorrenza, a tutela sia delle dinamiche competitive del mercato bancario italiano sia dei diritti dei consumatori”.

La palla passa ora completamente agli azionisti di Ubi, che dopo aver ricevuto tutte le informazioni necessarie, dovranno decidere se accettare o meno l’offerta.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Intelligenza artificiale, il ruolo fondamentale di media e politica antitrust

Banche, gli incentivi alle fusioni sotto la lente Ue. In attesa dello sblocco dei dividendi

Utility, ok dall’Antitrust alla fusione A2a-Aeb e rimosso rischio di stop all’M&A pre-gare nel settore

NEWSLETTER
Iscriviti
X