Consulente truffa, anche la mandante rimborsa

A
A
A
Avatar di Redazione 22 Luglio 2020 | 11:36

Quando un consulente sbaglia, anche la mandante deve intervenire.

E’ quello che è successo a Pistoia, dove il Tribunale, così come si legge da un articolo de La Nazione, ha condannato un consulente finanziario e un istituto di credito (in solido) a risarcire un risparmiatore per 318mila euro.

La vicenda risale al 2014 quando il danneggiato dette al consulente, in più riprese, la complessiva somma di 318mila euro affinché lo stesso provvedesse a investirla. Ma da quello che sembra essere emerso, in realtà il consulente utilizzò tali somme per fini personali.

Il Tribunale ha poi respinto tutte le tesi di difesa del consulente e in particolare dell’istituto di credito, “che si è difeso sostenendo di aver operato nell’assoluta trasparenza e in particolare rendicontando e consegnando all’investitore tutti gli addebiti delle relative provviste e accrediti dei relativi investimenti. In sostanza la banca a voleva affermare che stava all’investitore, in base alla documentazione necessaria ricevuta, effettuare i dovuti riscontri”, si legge nell’articolo.

Il Tribunale di Pistoia ha però tuttavia stabilito che è “irrilevante la circostanza che la banca abbia sempre assolto agli obblighi di informazioni, in quanto la condotta illecita del promotore è stata agevolata dalla posizione che il promotore rivestiva in seno all’istituto di credito“.

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Genova, si finge consulente per truffare i clienti

Truffa, consulente a processo con ex eurodeputato

Consulenza, accusata una dipendente di Poste

NEWSLETTER
Iscriviti
X