Enasarco: ok alle elezioni, ma la polemica non si placa

A
A
A
Avatar di Redazione 23 Luglio 2020 | 12:26

Lo scorso 21 luglio è arrivata la comunicazione della nuova finestra elettorale per il rinnovo dell’Assemblea dei Delegati della Fondazione Enasarco, fissata da giovedì 24 settembre 2020 a mercoledì 7 ottobre 2020, dalle 9 alle 18 nei giorni dal lunedì al venerdì, e dalle ore 9 alle 20 nei giorni di sabato e di domenica.

Una notizia che comunque non ha spento le polemiche in essere tra i consiglieri dell’Ente. Qui di seguito vi riportiamo due comunicati riferibili a due liste che si affronteranno nel corso della prossima tornata elettorale. Buona lettura.

Enasarco libera

Il Consiglio di amministrazione della Fondazione Enasarco ha deliberato la ripresa del procedimento elettorale, bloccato dall’emergenza Coronavirus: le elezioni per il rinnovo degli organi di vertice della Cassa si terranno, dunque, dal 24 settembre per le successive due settimane. La nostra lista esprime soddisfazione per la fissazione del nuovo periodo elettorale secondo una tempistica e una modalità in grado di assicurare finalmente il massimo della trasparenza della campagna elettorale e il massimo della partecipazione al voto di agenti di commercio e consulenti finanziari, sebbene gli effetti dell’emergenza siano profondamente in atto sul piano economico e sociale. I tentativi maldestri di certe organizzazioni e di taluni dirigenti dello stesso Ministero del Lavoro di costringere gli iscritti a votare in pieno lockdown o nel mese di agosto sono stati scongiurati come era inevitabile e giusto che fosse. E’ stato affermato un sacrosanto principio di civiltà democratica non solo per rispetto degli stessi iscritti che non sarebbero stati messi nelle condizioni di partecipare democraticamente e effettivamente né alla campagna elettorale né al voto. Ma anche per rispetto della stessa legge che ha sancito il rinvio delle elezioni nella fase di più cupa emergenza sanitaria del Paese. Saggiamente la maggioranza dei consiglieri della Fondazione ha scelto nei mesi scorsi un’altra strada, finalizzata a determinare le condizioni per la massima partecipazione al voto degli iscritti alla Cassa con la prospettiva di un’adeguata e trasparente campagna elettorale tra le liste dei candidati. E’ stato sancito, per di più, il valore dell’autonomia della Fondazione sia dalle pressioni indebite di singole organizzazioni sia da quelle di dirigenti dello Stato che agissero al di fuori dei limiti previsti. Noi siamo pronti, dunque, a metterci in gioco e a illustrare a tutti gli iscritti il nostro programma e la nostra visione per lo sviluppo e la valorizzazione della Fondazione, delle prestazioni che garantisce, dei servizi che offre e che potrà offrire.

Fare presto!

Enasarco mette (forse) la parola fine alla prorogatio gestionale dell’Ente: il CdA di martedì 21 luglio ha infatti fissato la data delle elezioni online per il 24 settembre-7 ottobre 2020. L’attuale maggioranza non ha rispettato, come volevano i 5 Consiglieri della Lista “Fare Presto!”, la data fissata dai Ministeri Vigilanti i quali chiedevano un immediato ripristino della procedura elettorale illegittimamente sospesa.

Anche stavolta l’attuale Governance della Fondazione ha perso l’occasione per rispettare le regole e i propri iscritti – fanno sapere i 5 Consiglieri – e anziché convocare le elezioni per il rinnovo dell’Assemblea dei Delegati nei tempi (31.07.2020) indicati  dai Ministeri che vigilano su Enasarco hanno preferito stabilire una data “motu proprio” che, di fatto, prolunga per altri mesi questa gestione illegittima, come affermato in ben tre lettere dai Dicasteri. Gli agenti ed i consulenti non hanno potuto votare online ad aprile, né a maggio, né a giugno, né ora a luglio: voteranno addirittura dopo l’Election Day (20-21 settembre) che porterà milioni di italiani alle urne, in presenza, per Regioni e Comuni. Si tratta di comportamenti dilatori che non nascondono arroganza nella gestione dell’Ente, che però non appartiene a questi signori ma agli iscritti. Le nostre pressioni e  le intimazioni ministeriali hanno costretto questi signori a stabilire una data certa per le elezioni online. Proprio per questo ora dobbiamo unirci, agenti e consulenti, più che mai: nelle prossime elezioni abbiamo la grande opportunità di rinnovare la governance e impedire che coloro che negli ultimi anni, pur avendo la maggioranza, non hanno fatto nulla di importante per gli iscritti possano continuare a gestire l‘Ente. Questo può avvenire solo se, grazie al democratico esercizio del voto, Enasarco verrà consegnata a chi si occupi seriamente della tutela e degli interessi di agenti e consulenti, a chi rilanci e valorizzi le nostre professioni e la nostra professionalità“.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

1 commento

  • Avatar massimo says:

    Il problema non sono tanto le elezioni ma se valga la pena di tenere in piedi questo carrozzone con regole che non tutelano gran parte dei nuovi contribuenti che si vedono costretti a versare soldi senza avere nulla in cambio.

Ti può anche interessare

Consulente finanziario: 6 cose che non dovresti mai dire ai tuoi clienti

Per diventare un consulente finanziario di successo è prioritario riuscire a creare una relazione d ...

Consulenti, Fineco prepara gli incentivi

Un piano d’acquisto di azioni proprie per dare attuazione al sistema d’incentivazione dei consul ...

Soldi dei clienti al Casinò. Ex consulente condannato a 7 anni

Finisce così in primo grado la vicenda di Silvio Vannini, cf radiato dell’area di Forlì-Cesena. ...

NEWSLETTER
Iscriviti
X