Consulenti, in bilico tra risiko bancario e nuova concorrenza

A
A
A
Marcello Astorri di Marcello Astorri 27 Luglio 2020 | 12:48
L’affare Intesa-Ubi. Le possibili fusioni tra Mps, Banco Bpm e Bper. Mentre tutti si chiedono cosa farà Unicredit. Lo scenario cambia e crescono gli interrogativi sui possibili effetti nel mondo delle banche-reti.

L’affare tra Intesa Sanpaolo e Ubi Banca potrebbe non essere l’unica tappa del risiko bancario in corso sul mercato italiano. Il prossimo dossier caldo si preannuncia essere Mps, capogruppo di Banca Widiba che ha una rete di oltre 500 consulenti finanziari. Come riporta MF Milano Finanza, nei mesi scorsi lo Stato, che tramite il Ministero dell’economia e delle finanze è azionista al 68,2%, avrebbe sondato a livello di interesse il Banco Bpm, registrando però una certa freddezza.

Sui mercati, comunque, gli analisti sono convinti che qualcosa si muoverà una volta archiviata la pratica Intesa Sanpaolo Ubi. Secondo alcuni, Mps potrebbe essere protagonista di una maxi-operazione a tre, con protagonista Banco Bpm o Bper. C’è poi sullo sfondo anche Unicredit, che per ora, tramite le parole del ceo Jean Pierre Mustier, dice di essere concentrata sulla trasformazione digitale. Tuttavia, voci di corridoio sempre più insistenti darebbero come possibile una fusione tra Piazza Gae Aulenti e Banco Bpm.

Sotto traccia, insomma, qualcosa si muove. Fusioni e alleanze, da un lato, possono voler dire riorganizzazioni interne, con conseguenze dirette sia sui bancari dipendenti sia sulle reti di consulenti finanziari. In questo senso, è interessante lo spunto fornito da un post su LinkedIn di Sondra Ferri Marini, head hunter specialista nella selezione per reti di consulenza finanziaria: “Le fusioni sono diventate inevitabili”, ha scritto la professionista commentando il risiko bancario in atto, “Ovviamente portano in dote chiusure di filiali bancarie, demansionamenti vari, portafogli riassegnati alla Rete acquirente come da sempre accade per evitare sovrapposizioni di ruolo. Il Professionista dipendente che in banca gestisce il portafoglio clienti ha solo due scelte nel futuro immediato: attendere che ne sarà del suo futuro in filiale o mettere a disposizione la sua Professionalità in Rete. A voi la scelta”. Se così fosse, molti dipendenti bancari si troverebbero a dover migrare verso le Reti come porto d’approdo post aggregazione. Questo avrebbe conseguenze dirette sul mercato della consulenza finanziaria, per il semplice fatto che la concorrenza aumenterebbe. Con esiti tutti da decifrare.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Reti, ecco chi ha salvato il patrimonio (e chi no) durante la crisi sanitaria

Consulenti e grandi portafogli, storie di insolita normalità

Bluerating Awards 2020, tutti i premiati categoria per categoria

Doris (B.Mediolanum): 60mila euro per risvegliare i Pir

Consulenti, i consigli d’oro per scrivere sui social

Consulenti, ottobre è il mese per farvi conoscere

Consulenti, come e perchè curare immagine e reputazione

Consulenti: basta chiacchere, ora serve un contratto nazionale

Consulenti, tra attivo e passivo ecco cosa e quando conviene

Consulenti, ecco le migliori e le peggiori asset class del 2020

Consulenti, dove si può scovare il valore sull’obbligazionario

Consulenti, quanto risparmio sprecato (e quante perdite nascoste)

Consulenti, i segreti per rimanere sempre al top

Consulenti, ecco il metodo per superare l’esame

Consulenti, quanti soldi con la green economy

Reti, è aperta la caccia al bancario scontento

Consulenti, quanta rabbia contro i manager

Consulenti e truffa dei Bitcoin, cosa dire ai clienti

Consulenti, tre consigli per delegare con successo

Consulenti, lunga vita al manager di rete

Consulenti, ecco le paure dei clienti ai raggi X

Consulenti, che errori sugli indipendenti

Consulenti, lo scoglio dei finanziamenti

AAA cercasi consulente per risparmio ingente

Consulenti, le novità di Whatsapp Business possono esservi utili

Consulenti e Facebook, differenze tra profilo e pagina professionale

Consulenti e risparmio, l’antidoto contro la paura

Consulenti, cosa succede ai clienti se l’Scf viene radiata

Consulenti timidoni, tre regole per fare rete

Consulenti, la scadenza Irpef slitta al 20 luglio

Consulenti, tre consigli per trovare clienti sui social

Consulenti, 11 lezioni di finanza spicciola – Il mistero del denaro

Consulenti, un moto perpetuo per la crescita

NEWSLETTER
Iscriviti
X