Ennio Doris e il destino già scritto di Intesa-Ubi

A
A
A
Avatar di Redazione 4 Agosto 2020 | 10:39
Il presidente di Mediolanum ha rilasciato un’intervista a Il Giorno per i suoi 80 anni: ha parlato di Europa, burocrazia e ha commentato la recente aggregazione tra la prima e la quarta banca del Paese.

Quando viene intervistato, Ennio Doris parla sempre chiaro. È stato così anche stavolta, in un’intervista a Il Giorno rilasciata dal presidente di Banca Mediolanum in occasione dei suoi 80 anni: “È come una corsa a eliminazione”, ha detto Doris chiamato a commentare l’aggregazione Intesa-Ubi e le altre operazioni probabili nel mondo delle banche, “In qualsiasi settore quando si parte si è in tanti, ma qualcuno si perde per strada. In Italia agli inizi del Novecento sono nate 300 fabbriche di automobili, 70 solo a Torino. Ma quante ne sono rimaste oggi? Lo stesso sta succedendo nel mondo delle banche. Quella fra Intesa e Ubi è la prima fusione. Nata non per decisione delle due imprese, ma dall’offerta di quella più grande. Succederà ancora”.

Doris poi ha commentato poi il risultato portato a casa dal premier Giuseppe Conte con il recovery plan: “È un primo passo”, ha detto, “quello che non sono riusciti a fare nell’Ue i politici più visionari l’ha fatto il Covid”. Poi però non biasima chi ha poca fiducia degli italiani in Europa: “Come è stato possibile che uno dei sei paesi fondatori dell’Ue, una delle grandi potenze industriali, sia finito in fondo alla classifica, con una crescita inferiore a quella di Spagna e Portogallo e con un debito pubblico enorme? È chiaro che qualche responsabilità noi italiani ce l’abbiamo. Ed è ora di cambiare”.

Poi un attacco frontale a chi nel governo non vuole usufruire del Mes, il fondo salva-stati che ha messo a disposizione dei paesi 37 miliardi di euro di prestiti per affrontare le spese sanitarie: rifiutarlo è “una follia”, ha detto Doris, per il futuro bisogna essere “più pragmatici e meno schiavi dell’ideologia e dei preegiudizi”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Risparmio gestito, che forza Azimut e Mediolanum

Banche reti, potenze a confronto numero per numero

Mediolanum, nuovo CIO per i fondi

Banche reti, chi è già in pista con i Pir alternativi

Banca Mediolanum, è il momento di Huawei

Reti e gestori: che cuccagna la performance fee

Banca Mediolanum, l’omaggio di Basiglio

Banca Mediolanum, un altro aiuto all’economia italiana

Banca Mediolanum, Doris farà rientrare i dipendenti in sede

Da Fineco a Mediolanum, chi c’è tra le best banks di Forbes

Banca Mediolanum, la raccolta lievita con gestito e polizze

Mediolanum, una nomina e più spazio a Dublino

Reti quotate, il dividendo resta in freezer

Banca Mediolanum, la raccolta mette la crisi all’angolo

Banca Mediolanum, la lode ai family banker in trincea

Risparmio gestito, Generali stacca tutti. Morgan Stanley e Mediolanum inseguono

Banca Mediolanum, a volte ritornano

Mediolanum potenzia la squadra dei gestori

Reti e remunerazione, promossi e bocciati per BlackRock

Mediolanum, Ennio Doris svela i suoi segreti

Banca Mediolanum, la raccolta tira col gestito

Mediolanum: Schroders e Fidelity per il nuovo fondo multi-manager

Raccolta: Fideuram mette tutti in fila

Consulenti: tutti i bonus dei big, rete per rete

Doris (Mediolanum): i Pir sono strumenti benedetti

Banca Mediolanum, uno spot nuovo di pacca per i Doris

Raccolta: Fineco è super, Mediolanum la tallona

Mediolanum AM, una nuova guida per l’azionario

Mediolanum, allarme di Ennio Doris sulla patrimoniale

Mediolanum, Ennio Doris in un webinar racconta che Italia Sarà

Investimenti, 6 strategie dei big delle reti a confronto

Risparmio gestito, trimestre impossibile a causa del Covid-19: Poste, Pictet e Ubs paladini della resistenza

Banca Mediolanum, dove investono i clienti

NEWSLETTER
Iscriviti
X