Azimut, Martini vuole la carica dei consulenti social

A
A
A
di Marcello Astorri 13 Agosto 2020 | 10:36
Per l’amminstratore delegato di Azimut i consulenti che non sapranno comunicare sui social saranno tagliati fuori dalla competizione.

Lui di certo non chiede niente di più di quanto faccia lui stesso. Paolo Martini, amministratore delegato di Azimut, infatti è da sempre molto attivo sui social network. Forse è anche per questo che ha chiesto a tutti i suoi consulenti finanziari di fare altrettanto. Proprio su LinkedIn, tra i social più in voga per il mondo del lavoro, è arrivato l’appello di Martini ad armarsi di post, condivisioni, commenti e like per comunicare e raggiungere con molta più facilità i propri clienti e quelli che potrebbero diventarlo.

“I social media influenzano sempre più le opinioni e le abitudini di consumo delle persone: oggi quando si deve acquistare un prodotto o un servizio ci si affida in modo crescente ai canali social (38%) e agli influencer (29%)”, questo è l’inizio del post su LinkedIn di Martini, “Che piaccia o meno, sia giusto o sbagliato, questa ormai è la nuova realtà con cui dobbiamo confrontarci (come dimostra la vicenda del post di Chiara Ferragni all’interno degli Uffizi a Firenze) ed è un trend che continuerà a crescere mandando in soffitta, credo nel giro di 3-5 anni, la vecchia TV. Anche nel nostro settore dovremo prendere atto di questo cambiamento e il mio suggerimento è che i consulenti finanziari decidano di dedicare un po’ del loro tempo (bastano anche 15 minuti al giorno) a questo nuovo mondo. Chi non lo farà sarà tagliato fuori. Ma non è mai troppo tardi per iniziare”.

A giudicare dalla crescente presenza sui social di molti consulenti, già diversi professionisti hanno pensato di intraprendere questa strada. Ma sarà davvero una strada percorribile per tutti? Il pensiero va ai tanti consulenti non di primo pelo, esponenti di una professione che di certo non spicca per il ricambio generazionale e numero di giovani all’opera. Che sia proprio questo, quindi, l’innesco che porterà le nuove generazioni di consulenti a trovare il proprio spazio? Solo il tempo potrà dirlo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut e Mamacrowd: al via il primo investimento del fondo Alicrowd

Azimut alla ricerca dell’X-Factor

Azimut, la raccolta non molla mai

NEWSLETTER
Iscriviti
X