Buoni Postali, come ottenere fino al 2,5% all’anno

A
A
A
di Redazione 14 Settembre 2020 | 11:29
Come sottolinea il settimanale Milano Finanza, si avvicina al rinnovo la convezione tra Poste e Cdp per la distribuzione dei Buoni Fruttiferi. Quelli dedicati ai minori sono i più redditizi.

Entro fine anno, come sottolinea il settimanale Milano Finanza nel numero di sabato 12 settemmbre,  andrà in scadenza e dovrà essere rinnovata  la convenzione tra Poste Italiane e Cassa Depositi e Prestiti per la distribuzione dei Buoni Fruttiferi Postali, una categoria di prodotti finanziari tradizionalmente molto amata dalle famiglie italiane. Intanto, con i tassi d’interesse sotto zero e i titoli di stato che rendono poco o nulla, i Buoni Fruttiferi continuano a rappresentare una valida alternativa per chi vuole parcheggiare la liquidità e farla fruttare almeno un po’ senza correre rischi. Attualmente, i Buoni Postali più redditizi sono quelli riservati ai minorenni che rendono fino al 2,5% lordo all’anno (2,18% netto circa), ma soltanto a chi tiene la somma investita per almeno 16 anni. Dal 1° al 16° anno, invece, gli interessi partono da un minimo dello 0,5% lordo (0,44% netto circa) e arrivano fino al 2% lordo (1,75% netto)

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ritrova buoni fruttiferi, ma in Posta negano l’incasso

Ritrova buoni fruttiferi, ma in Posta negano l’incasso

Poste Italiane rinnova l’offerta di Libretti e Buoni Fruttiferi

NEWSLETTER
Iscriviti
X