Conti correnti, gli italiani si innamorano dell’online banking

A
A
A
Avatar di Redazione 15 Settembre 2020 | 11:33

A discapito di quello che si pensa, gli italiani sembrano amare l’online. A rivelarlo un’indagine “Retail Banking in the New Reality”, condotta a maggio da Boston Consulting Group su 5mila consumatori del retail banking in 15 Paesi, che attesta come gli italiani siano tra i più attivi su online e mobile banking. Secondi solo ai cittadini di Singapore, il 51% degli italiani sembra aver intensificato il proprio rapporto con la banca di riferimento sul canale online durante la crisi da Coronavirus, mentre il 54% (dopo i cittadini di Singapore e Hong Kong) ha aumentato l’uso del mobile. Inoltre il 27% prevede di ridurre o cessare la frequentazione della filiale anche a crisi terminata. 

A tal proposito Hype, soluzione digitale per una gestione semplice ed efficiente del denaro, ha effettuato una survey su un campione rappresentativo dei suoi 1,2 milioni di clienti per indagarne le aspettative per il prossimo futuro (ovviamente si parla di un campione più evoluto della media rispetto all’utilizzo di servizi digitali ma emergono comunque evidenze interessanti se si osservano le percentuali di risposta).

La maggioranza di coloro che hanno risposto al sondaggio ha dichiarato di riuscire ad immaginare con naturalezza un futuro in cui il rapporto con la propria banca possa essere completamente digitale. Lo conferma anche un altro dato: il 77% del campione, titolare anche di altro conto bancario, a parità di qualità del servizio offerto, preferisce senza dubbio una totale gestione attraverso un canale digitale rispetto a una gestione tradizionale. Nell’ultimo anno prima dell’emergenza Covid il 55% degli intervistati aveva visitato la sede fisica al massimo in due occasioni e solo il 7% di essi registra un numero di visite superiore a 8. A lockdown terminato, questo dato si polarizza ulteriormente: il 58% dei rispondenti si aspetta di visitare la filiale fisica al massimo due volte nei prossimi dodici mesi e solo il 6% progetta di recarvisi più di 8 volte. Esiste ancora una parte di utenza (il 23%) che attribuisce molta importanza alla filiale fisica quando immagina la sua banca del futuro, ma per il 41% questa variabile ha poca importanza e addirittura nulla per il 14%, mentre è indifferente per l’11%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, il 30% dei dipendenti non serve più

Fineco, una proposta digitale da leccarsi i baffi

Bim, un incubo anche in Borsa

Banche, arriva la cura Gualtieri

Consulente, da quando c’è il Covid vali di più

IWBank PI, su LinkedIn un’ipotesi curiosa sul futuro

Mps, i fondi affilano le armi

Credem, un impegno per i diritti umani

Asset allocation, per le banche il rischio è stabile

Fineco, i magnifici 7 per il nord-est

Bnl Bnp Paribas LB, incetta di new entry dalle “rivali”

Widiba, due progetti per crescere a Milano

Consulenti: banche e mercati in crisi, cosa è differente questa volta

Intesa Sanpaolo, il nuovo modo di fare banca dopo il Covid

Credem e Cassa di Risparmio di Cento, la fusione è realtà

CheBanca!, alla filiale solo su appuntamento

Banche, il Covid farà qualche vittima

Widiba, un decano della consulenza rafforza la squadra abruzzese

Banche, la filiale non tira

Widiba, gli uffici cambiano faccia

Banche, rivoluzione digitale

Banche, Illimity ora è una Star

Banche, la mattanza delle filiali

Banche, ancora troppe poche donne ai vertici

Banche, ecco la top ten dell’Europa occidentale

Banche, condannati tre istituti dell’agrigentino

Banche, i big uniti in un’app

Banca Generali, la raccolta batte se stessa

Banca Generali, il “colpaccio” Lenti si presenta

Banca Generali, le commissioni sono un punto di forza

Widiba e l’architettura delle scelte

Banche dietro la lavagna: sanzioni quadruplicate nel 2019

Widiba, ecco la nuova certificazione per i consulenti

NEWSLETTER
Iscriviti
X