Banca Mediolanum, nasce la Regenerative Society Foundation

A
A
A
Avatar di Redazione 29 Settembre 2020 | 13:32
La Fondazione debutta con il primo evento di Regeneration 20|30 in programma il 15 e 16 ottobre a Parma 29 settembre 2020. Tra i suoi fondatori, anche il responsabile marketing, comunicazione e innovazione di Banca Mediolanum, Oscar di Montigny

A poco più di due settimane dal primo evento del programma Regeneration 20|30, è stata costituita la Regenerative Society Foundation, un ente internazionale che ne garantisce la governance di medio e lungo periodo. La Fondazione, co-presieduta da Andrea Illy e Jeffrey Sachs, debutterà con il primo incontro ufficiale a Parma il 15 e 16 ottobre, avviando ufficialmente il programma di dialogo globale – unico nella sua multilateralità – al fine di cambiare il modello economico e sociale attuale, ormai insostenibile, in favore di un paradigma nuovo, capace di rigenerare persone, economia e ambiente. Tra i suoi protagonisti, conta anche il chief innovabilty e value strategy officer di Banca Mediolanum e presidente di FLOWE, società benefit del Gruppo bancario.  di Banca Mediolanum, Oscar di Montigny. L’evento, ospitato fisicamente all’Auditorium Paganini di Parma, è una due giorni di interventi di esperti e scienziati, imprenditori, policy maker, leader spirituali provenienti da tutto il mondo, costruita per dibattere su tre pilastri fondamentali: Economia Rigenerativa, Lotta al Cambiamento Climatico, Felicità Mondiale. Su questi temi è stata costruita una pledge, che tutti i partecipanti sono tenuti a condividere e sottoscrivere e che rappresenta la base di partenza per un lavoro successivo di valutazione, misurazione e supporto nel raggiungimento degli obiettivi della pledge stessa. La frontiera temporale 20|30 è imprescindibile: non abbiamo più di dieci anni per uscire dalla crisi sistemica – ambientale, sanitaria, economica, sociale e politica. Risolvere le cause profonde di questa crisi significa invertire la rotta rispetto al passato, creando e promuovendo un nuovo modello rigenerativo con al centro clima e felicità, che diventano il motore della crescita economica.

Il programma è promosso da una coalizione di leader globali, creata e guidata da un gruppo di imprenditori italiani – Davide Bollati (Davines), Maria Paola Chiesi (Chiesi Farmaceutici) e Andrea Illy (Fondazione Ernesto Illy), Oscar di Montigny (Banca Mediolanum e Flowe) e Francesco Mutti (Mutti SpA) – dal sistema B Corp (Paolo Di Cesare ed Eric Ezechieli di Nativa, Marcello Palazzi di Progressio Foundation) e dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile (presieduta da Edo Ronchi e diretta da Raimondo Orsini), con il supporto prezioso di Fondazione CariParma. La coalizione conta inoltre su importanti partner istituzionali, quali il Sustainable Development Solutions Network delle Nazioni Unite, presieduto da Jeffrey D. Sachs; il Centre for Bhutan Studies; l’Accademia Pontificia delle Scienze Sociali; UNIDO (United Nations Industrial Development Organization); ASVIS; ENEA; il Wellbeing Research Centre di Oxford University e il Center for Sustainable Development di Columbia University; e sulla collaborazione con il Parlamento Europeo. Sono in fase di finalizzazione le partnership con OCSE e FAO. Tra gli speaker confermati – live o in collegamento virtuale: oltre ai fondatori di Regeneration 20|30, economisti e accademici quali Jeffrey Sachs, Ian Goldin, Johan Rockstrom, Dan Esty, Stefano Zamagni; Christiana Figueres; Sandrine Dixon Decleve (Club of Rome); Paul Polman (Imagine); Enrico Giovannini (ASVIS); Ermete Realacci (Symbola); la Principessa Wnagchusk Kesang Choden (Bhutan Gross National Happiness Centre) e Dasho Karma Ura (Centre for Bhutan Studies);Vincent Stanley (Patagonia) e vari esponenti del mondo B Corp europeo e internazionale; oltre a molti esponenti dell’imprenditoria italiana, tra cui Marco Alverá (SNAM).

In questo quadro, la missione della Fondazione è di promuovere la trasformazione della società grazie all’economia rigenerativa. Le attività economiche vanno infatti innovate, in modo da sviluppare la capacità di rigenerare gli ecosistemi e le comunità con cui interagiscono e scambiano risorse. Per farlo, la Fondazione darà vita a partnership pubblico/private con le più prestigiose università in campo scientifico ed economico, istituzioni governative, non governative e finanziarie, e i principali centri di ricerca internazionali operanti in questi ambiti.

“La diffusione pandemica del nuovo Coronavirus che si è imposta sin da subito come una crisi imprevista e imprevedibile, ha purtroppo marginalizzato argomenti molto urgenti sui quali globalmente ci si stava finalmente focalizzando. Tuttavia, la crisi sanitaria attualmente in corso non è altro che una delle tante manifestazioni di una ben più ampia e profonda crisi sistemica nella quale ambiente, clima, politica, etica, economia e cultura sono tutti attori comprimari tra loro interconnessi”. Ha dichiarato Oscar di Montigny, chief innovabilty e value strategy officer di Banca Mediolanum e presidente di FLOWE, società benefit del Gruppo bancario. “In Mediolanum ne siamo consapevoli da sempre, così come riteniamo stringente l’adozione di un nuovo modello economico, sociale e comportamentale che abbia al centro del proprio agire il benessere e la prosperità di tutti. Aderire come fondatori al programma Regeneration 20|30 è uno dei tanti nostri modi per essere protagonisti attivi nel processo di cambiamento verso un paradigma più equo e sostenibile”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Mediolanum, due nuove nomine per il gestito

Superbonus, super opportunità per banche reti e consulenti

Banca Mediolanum-Intesa, c’è un affare in dirittura d’arrivo

Banca Mediolanum, una nuova tappa Insieme

Banca Mediolanum, l’amministrato affossa la raccolta

Doris (B.Mediolanum): 60mila euro per risvegliare i Pir

Truffe online, la battaglia in Parlamento del consulente Mediolanum

Consulenti, banche reti a prezzo di saldo

Banche e reti, nel 2020 è sempre domenica

Banca Mediolanum è ancora in maglia rosa

Mediolanum, un nuovo senior per il gestito

Recovery Plan, la versione di Massimo Doris

Risparmio gestito, che forza Azimut e Mediolanum

Banche reti, potenze a confronto numero per numero

Mediolanum, nuovo CIO per i fondi

Banche reti, chi è già in pista con i Pir alternativi

Banca Mediolanum, è il momento di Huawei

Reti e gestori: che cuccagna la performance fee

Banca Mediolanum, l’omaggio di Basiglio

Banca Mediolanum, un altro aiuto all’economia italiana

Banca Mediolanum, Doris farà rientrare i dipendenti in sede

Da Fineco a Mediolanum, chi c’è tra le best banks di Forbes

Banca Mediolanum, la raccolta lievita con gestito e polizze

Mediolanum, una nomina e più spazio a Dublino

Ennio Doris e il destino già scritto di Intesa-Ubi

Reti quotate, il dividendo resta in freezer

Banca Mediolanum, la raccolta mette la crisi all’angolo

Banca Mediolanum, la lode ai family banker in trincea

Risparmio gestito, Generali stacca tutti. Morgan Stanley e Mediolanum inseguono

Banca Mediolanum, a volte ritornano

Mediolanum potenzia la squadra dei gestori

Reti e remunerazione, promossi e bocciati per BlackRock

Mediolanum, Ennio Doris svela i suoi segreti

NEWSLETTER
Iscriviti
X