Consulenti, i consigli d’oro per scrivere sui social

A
A
A
Avatar di Redazione 8 Ottobre 2020 | 09:19
Beatrice Cicala è assistente virtuale e fondatrice di Assistant LAB. Svolge attività di consulenza, organizzazione, social media marketing per consulenti finanziari con l’obiettivo di concretizzare i loro progetti di business. Da sempre attiva nella promozione del ruolo dell’assistente del consulente finanziario come business partner. Oggi spiega ai lettori di Bluerating come scrivere un post sui social che possa attirare l’attenzione di potenziali clienti.

Articolo a cura di Beatrice Cicala

Ogni mio nuovo cliente ha il desiderio di avere una presenza sul web e sui social che rispetti la sua professionalità e che possa dargli la giusta visibilità per l’attività di acquisizione di nuova clientela.

Per fare questo, non basta essere presenti con il profilo o con il sito istituzionale. È necessario comunicare in un certo modo per far arrivare il tuo messaggio dall’altra parte, al tuo potenziale cliente.

Scrivere per i social, però, non ha nulla a che vedere con la scrittura di una lettera o di un romanzo: chi spesso è bravo a scrivere questo genere di testi, non sa scrivere per i social. Se sei un consulente finanziario, vuoi ovviamente essere sui social e sul web per fare business.

Per fare business dovrai imparare a scrivere per vendere, componendo la tua comunicazione per ottenere un risultato da una tua qualsiasi pubblicazione: un post o la condivisione di un articolo di finanza.

Questo genere di scrittura ha due concetti di base da rispettare:


1. La perfetta conoscenza del cliente target: se non sai chi è il tuo interlocutore, se non sai chi è il tuo potenziale cliente e che cosa gli vuoi dire, difficilmente potrai scrivere in maniera efficace. Scegli di rivolgerti a un target specifico di persone e studia i loro bisogni, studia le loro caratteristiche. Se parli a tutti, non parli a nessuno.

2. Scrivere per generare un’emozione nel lettore, che possa fargli esclamare “Wow! Questa persona davvero sa di cosa ho bisogno”. Il sogno di ogni consulente finanziario!

Potrei fermarmi qui perché rispettando queste due regole, che come vedi mettono al centro il tuo potenziale cliente, sicuramente otterrai un risultato.

Ti lascio qualche altro tips per costruire, anche dal punto di vista tecnico, dei post efficaci:

  • Inizia sempre con un titolo che possa attrarre l’attenzione e che faccia invogliare a leggere il testo successivo; in gergo tecnico si chiama Hook, uncino. Che sia la prima frase del post o il titolo di un articolo, usa al massimo sei o sette parole, scelte con cura, che lascino il segno.
  • Scrivi un testo semplice per argomentare il tuo tema o per dare la tua opinione. Evita parole complesse, evita di scrivere come un analista finanziario (salvo che il tuo target non siano gli ingegneri, s’intende!). Racconta storie piuttosto, a tutti piacciono le storie, sono semplici e le persone si ritrovano facilmente in quello che scrivi. Sii umano.
  • Call to Action. Alla fine di un tuo qualsiasi scritto, audio, video, dovrai sempre chiedere all’utente di fare qualcosa. Di riflettere su quella cosa in particolare, di condividere con te la loro esperienza, di lasciarti un messaggio in privato, di scrivere nei commenti le loro considerazioni.

Ogni tua comunicazione è la possibilità di raggiungere centinaia di utenti e di seminare il terreno. Non perdere occasioni semplicemente per pigrizia di scrivere in un certo modo!

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Reti, ecco chi ha salvato il patrimonio (e chi no) durante la crisi sanitaria

Consulenti e grandi portafogli, storie di insolita normalità

Bluerating Awards 2020, tutti i premiati categoria per categoria

Doris (B.Mediolanum): 60mila euro per risvegliare i Pir

Consulenti, ottobre è il mese per farvi conoscere

Consulenti, come e perchè curare immagine e reputazione

Consulenti: basta chiacchere, ora serve un contratto nazionale

Consulenti, tra attivo e passivo ecco cosa e quando conviene

Consulenti, ecco le migliori e le peggiori asset class del 2020

Consulenti, dove si può scovare il valore sull’obbligazionario

Consulenti, quanto risparmio sprecato (e quante perdite nascoste)

Consulenti, i segreti per rimanere sempre al top

Consulenti, ecco il metodo per superare l’esame

Consulenti, quanti soldi con la green economy

Reti, è aperta la caccia al bancario scontento

Consulenti, in bilico tra risiko bancario e nuova concorrenza

Consulenti, quanta rabbia contro i manager

Consulenti e truffa dei Bitcoin, cosa dire ai clienti

Consulenti, tre consigli per delegare con successo

Consulenti, lunga vita al manager di rete

Consulenti, ecco le paure dei clienti ai raggi X

Consulenti, che errori sugli indipendenti

Consulenti, lo scoglio dei finanziamenti

AAA cercasi consulente per risparmio ingente

Consulenti, le novità di Whatsapp Business possono esservi utili

Consulenti e Facebook, differenze tra profilo e pagina professionale

Consulenti e risparmio, l’antidoto contro la paura

Consulenti, cosa succede ai clienti se l’Scf viene radiata

Consulenti timidoni, tre regole per fare rete

Consulenti, la scadenza Irpef slitta al 20 luglio

Consulenti, tre consigli per trovare clienti sui social

Consulenti, 11 lezioni di finanza spicciola – Il mistero del denaro

Consulenti, un moto perpetuo per la crescita

NEWSLETTER
Iscriviti
X