Mps e derivati, condanna per Profumo e Viola

A
A
A
Avatar di Redazione 16 Ottobre 2020 | 09:59
Il Tribunale di Milano ha inflitto sei anni di reclusione e 2,5 milioni di multa ciascuno ai due ex massimi dirigenti dell’istituto toscano per le accuse di false comunicazioni sociali a aggiotaggio.

Doccia fredda per due ex top manager di banca Montepaschi di Siena. Il Tribunale di Milano, infatti, il 15 ottobre ha condannato in primo grado a sei anni di reclusione e 2,5 milioni di multa ciascuno l’ex presidente di Mps, Alessandro Profumo, ora ad di Leonardo, e Fabrizio Viola (ex ad di Mps). I due sono accusati di false comunicazioni sociali e aggiotaggio per il periodo in cui erano ai vertici dell’istituto senese.

Come riporta l’articolo del Sole 24 Ore, l’oggetto della condanna è la contabilizzazione nella prima semestrale 2015 di Mps dei derivati Santorini e Alexandria, sottoscritti dalla precedente gestione del presidente Giuseppe Mussari e serviti – secondo la ricostruzione processuale – a coprire perdite di 2 miliardi riconducibili all’acquisizione di Antonveneta. La procura aveva chiesto l’assoluzione per i due imputati, ma i giudici della seconda sezione del Tribunale di Milano non hanno accolto la richiesta condannando invece Profumo e Viola.

La condanna prevede la pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici, due anni di interdizione dagli uffici direttivi di imprese e dalla contrattazione con la pubblica amministrazione. Tuttavia, essendo la sentenza non definitiva, la condanna non risulta avere impatti sull’attuale incarico di Profumo ai vertici di Leonardo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Risiko bancario, quattro banche per tre ipotesi

Axa Im pesca il Jolly italiano

Widiba, il consulente milionario tra bonus e incentivi

Mps, nuovo deal con Illimity sugli npl

Officina Mps: al via la call sull’open banking

Mps, Mussari e Vigni condannati a 7 anni

Mps, rallentano utili e ricavi

Rendiconti ex Mifid 2 e trasparenza, Mps in prima linea

Mps, avanti con la ristrutturazione della rete

Cardamone, da Widiba alla consulenza

Banche, il risveglio dei bond

Addio a Mario Incrocci, nome storico delle reti

Mps, exit strategy del Mef

Mps, boom del bond

Mps, i pm chiedono 8 anni per Mussari

Mps, pulizia da 8 miliardi

Mps e i preparativi per le nozze

Mps, i 2 paperoni di Widiba

Diamanti in banca, partono i rimborsi

Truffa diamanti, “margini fino al 18% per la banche”

Mps, Morelli apre ad una alleanza

Mps valuta il bond rateizzato

Mps torna sul mercato, bond da 750 mln

Competenze, competizione e crescita per il private di Mps

Mps torna sul mercato

Diamanti: Mps, il rimborso ritarda…ma arriva

Proseguono le “pulizie” in casa Mps

Mps-Axa, ecco la fusion tra unit linked e gestione separata

Mps, avanti sulla cartolarizzazione delle sofferenze

Pasquini al vertice di Mps Leasing & Factoring

Mps, il private si tinge di Candriam

Si riempie l’Officina Mps

Mps affida la finanza a Rovellini

NEWSLETTER
Iscriviti
X