Mediobanca, il mercato blinda Nagel

A
A
A
Avatar di Redazione 29 Ottobre 2020 | 10:26
Non cambia la governance di Piazzetta Cuccia dopo l’assemblea degli azionisti. La Delfin di Leonardo Del Vecchio, però, vota con Assogestioni.

Il nuovo consiglio d’amministrazione di Mediobanca prosegue in continuità. La lista presentata dal consiglio uscente ha infatti ottenuto il voto del 44,16% del capitale (pari al 67,6% del capitale presente), aggiudicandosi i 13 posti di maggioranza e la promozione del mercato. Così la governance rimane sostanzialmente intatta: con Renato Pagliaro riconfermato presidente, Alberto Nagel come ad e Saverio Vinci come direttore generale.

La notizia di giornata, però, è che la Delfin di Leonardo Del Vecchio (che ha una quota del 10,1% del capitale) ha votato la lista presentata da Assogestioni, che ha ottenuto l’appoggio del 19,06% del capitale (29,17% di quello presente) e riconfermato i suoi due consiglieri di minoranza uscenti. Deluse le aspettative del fondo attivista Bluebell che, senza i voti di Del Vecchio, non è riuscita a nominare in consiglio i suoi candidati.

La posizione del patron di Luxottica rimane molto composita: come spiega un articolo del Sole 24 Ore, a firma di Antonella Olivieri, Del Vecchio intenderebbe attestarsi su una posizione di non interferenza, pur senza rinunciare a qualche accenno critico. Prova ne è che la Delfin ha evitato di votare le modifiche statutarie che prevedono la presenza di tre manager del gruppo in consiglio, si è astenuta sul punto riguardante la delega all’aumento di capitale fino a un massimo di 80 milioni di azioni riservato a investitori professionali, ha votato contro i compensi corrisposti, ma a favore della politica di remunerazione per il futuro.

Sulla nomina dei componenti del collegio sindacale, invece, Delfin ha votato per la lista di Assogestioni che così, risultata maggioritaria, ha perso la presidenza a favore del capolista del patto (Francesco Di Carlo).

Di seguito, la lista dei componenti del Cda che è stato fissato a 15 componenti:

Renato Pagliaro (presidente), Alberto Nagel (ad), Francesco Saverio Vinci (direttore generale), Maurizia Angelo Comneno, Virginie Banet, Maurizio Carfagna, Laura Cioli, Maurizio Costa, Vale’rie Hortefeux, Maximo Ibarra, Elisabetta Magistretti, Vittorio Pignatti Morano e Gabriele Villa (tratti dalla lista del board uscente), Angela Gamba e Alberto Lupoi (tratti dalla lista di minoranza presentata di Assogestioni).

Nominati sindaci fino all’approvazione del bilancio al 30 giugno 2023 i signori: Francesco Di Carlo (Presidente) tratto dalla lista presentata da Banca Mediolanum, e Ambrogio Virgilio e Elena Pagnoni tratti dalla lista presentata dagli Avv.ti Ferrero e Tonelli per conto di un gruppo di investitori. Sono stati altresì eletti sindaci supplenti i Signori: Stefano Sarubbi, Marcella Caradonna, Roberto Moro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, i conti conquistano gli analisti

Mediobanca, un nuovo boccone per il pet food

Mediobanca, l’utile quadruplica e la rete si rafforza

Il club deal conquista “Le Poste”

Mediobanca, doppia tentazione con Banca Generali e Fineco

CheBanca! ha un nuovo direttore generale

Reti e gestori, tremano i profitti con la scure dell’Esma

Mediobanca, l’offensiva di Del Vecchio

Banca Generali e Financial Times, molto clamore per nulla

Mediobanca, la rete cresce e la raccolta sorride

CheBanca!, raccolta e conti immuni al virus

CheBanca!, reclutamento a doppia cifra per Marconi

Mediobanca, raccolto con i dipendenti oltre un milione contro il Covid-19

Coronavirus, un virus per le reti

Banca Mediolanum, quanti profitti con le assicurazioni

Consulenti, perché inserire la moda italiana nei portafogli

CheBanca!, la proposta per i clienti Premier si fa più ricca

Banca Generali, perché i profitti vanno a gonfie vele

Mediobanca, crescono gli utili nel semestre

CheBanca!, rete e masse continuano a crescere nel semestre

Mediobanca, Del Vecchio vede i Doris e Nagel

Doris attacca Del Vecchio

Mediobanca, nuovo collocamento di successo per il private

Mediobanca, la Procura apre un fascicolo sulla scalata di Delfin

Mediobanca sotto la lente di Consob

Mediobanca, maxi infornata di consulenti e wealth manager

Mediobanca Sgr lancia un nuovo fondo flessibile

Mediobanca, il wealth management spinge l’utile

Fusione CheBanca!-Mediolanum? Le ipotesi degli analisti

CheBanca!, le fee e gli incentivi ai consulenti

Mediobanca, arriva un nuovo fondo per la clientela Private

Mediobanca, Doris e Del Vecchio in campo

Mediobanca, Doris si schiera con Nagel

NEWSLETTER
Iscriviti
X