Credem, un impegno per i diritti umani

A
A
A
di Matteo Chiamenti 11 Novembre 2020 | 14:50

Credem è il primo gruppo bancario a sottoscrivere la guida per i diritti umani del World Business Council for Sustainable Development (Wbcsd), un’organizzazione globale guidata dai CEO di oltre 200 aziende che condividono obiettivi comuni di sostenibilità.

Il Gruppo Credem ha condiviso i principi della guida sul rispetto dei diritti umani, in coerenza con i principi dell’ONU su imprese e diritti umani, con la carta internazionale dei diritti dell’uomo e con la dichiarazione dell’organizzazione internazionale del lavoro.

La guida evidenzia la necessità di garantire modelli di business orientati alla creazione di valore nel rispetto di principi etici e risponde al crescente interesse da parte degli stakeholder e degli investitori, che riservano attenzione crescente alla performance sociale, ambientale e di governance delle imprese.

Per il Gruppo Credem ha sottoscritto la guida il Presidente Lucio Igino Zanon di Valgiurata, che ha dichiarato: “Il rispetto dei diritti umani è fondante della nostra cultura aziendale e riteniamo che non esista sviluppo sostenibile che prescinda da un impegno in tal senso. Recentemente abbiamo concretizzato, al nostro interno, questo orientamento con un insieme di comportamenti e regole finalizzati ad evitare qualsiasi situazione che determini discriminazioni delle persone basata su sesso, razza, lingua, condizioni personali e sociali, credo politico e religioso con l’obiettivo di condividere questi principi con azioni coerenti nella quotidianità della relazione con tutti i portatori di interessi del Gruppo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, il training a regola d’arte

Credem, rimborso anticipato da 50 milioni

Consulenti e venditori, il peccato originale

NEWSLETTER
Iscriviti
X