Fideuram, utili in calo

A
A
A
Avatar di Redazione 13 Novembre 2020 | 11:32
Il Cda ha approvato i conti consolidati al 30 settembre. Aumentano le masse a oltre 243 miliardi, in crescita rispetto alla fine del 2019.

Conti in chiaroscuro per Fideuram Ispb nei primi 9 mesi del 2019. Bluerating.com lo aveva anticipato (leggi qui) dopo l’uscita dell’ultima trimestrale della capogruppo Intesa Sanpaolo. Se da un lato, infatti, l’utile è in frenata del 5% a quota 623 milioni di euro, dall’altra alla fine di settembre 2020 le masse amministrate dal gruppo Fideuram erano pari a 243,8 miliardi, in aumento di 1,1 miliardi rispetto al 31 dicembre 2019, raggiungendo così il livello più alto mai registrato.

L’evoluzione delle masse rispetto alla fine del 2019 è attribuibile – scrive la società nella sua nota – all’eccellente performance delle reti di private banker  che hanno ottenuto una raccolta netta pari a 8,2 miliardi. Un risultato che tuttavia è stato in parte scalfito dall’andamento dei mercati finanziari negli ultimi 9 mesi. 

L’analisi per aggregati della raccolta netta mostra che la componente di risparmio gestito, pari a oltre 2,5 miliardi, ha registrato un forte incremento (+158%) rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno in cui si era attestata al di sotto di 1 miliardo. La componente di risparmio amministrato, positiva per 5,6 miliardi, ha mostrato invece una flessione di circa 0,7 miliardi rispetto all’analogo periodo del 2019.

Al 30 settembre 2020 la struttura distributiva del gruppo Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking si avvaleva di 5.785 private banker, con un portafoglio medio pro-capite pari a oltre 

42 milioni.

L’analisi dei principali aggregati del Conto Economico evidenzia che nei primi nove mesi dell’esercizio le commissioni nette sono risultate pari a 1.260 milioni, in lieve calo (-1%) con il saldo di 1.276 milioni registrato nei primi nove mesi del 2019. Le commissioni nette ricorrenti, componente predominante (circa 94%) del margine commissionale, sono risultate pari a1.185 milioni (€ 1.192 milioni nell’analogo periodo del 2019), in marginale contrazione per effetto di un product mix leggermente meno favorevole.

Nei primi nove mesi del 2020 il margine commissionale non ha beneficiato di alcun contributo significativo riveniente da commissioni di performance, risultate pari a 1 milione (2 milioni nei primi nove mesi del 2019).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

IWBank, notte prima degli esami

Consulenti, lutto in casa Fideuram

Top 10 Bluerating: Fideuram sale sui Bric

NEWSLETTER
Iscriviti
X