Consulenti, chi è e perché vi serve l’assistente virtuale

A
A
A
Avatar di Redazione 19 Novembre 2020 | 09:58
Beatrice Cicala è assistente virtuale e fondatrice di Assistant LAB. Svolge attività di consulenza, organizzazione, social media marketing per consulenti finanziari con l’obiettivo di concretizzare i loro progetti di business. Da sempre attiva nella promozione del ruolo dell’assistente del consulente finanziario come business partner. Oggi spiega ai lettori di Bluerating come un’assistente virtuale può guidare il professionista ad avere un maggiore impatto sui canali digitali.

Articolo a cura di Beatrice Cicala

Sapete cos’è un’assistente virtuale? No, non sto parlando di Siri o di Alexa. Ma di una nuova professione, ancora poco conosciuta soprattutto in Italia. L’assistente virtuale è solitamente un’ex assistente di direzione che ha lasciato il posto fisso in azienda per la libera professione. Ha un background di Personal Assistant quindi, al quale ha aggiunto le competenze che servono oggi al libero professionista o al piccolo imprenditore per essere competitivo.

Per esempio, io sono un’assistente virtuale, anche se non mi piace definirmi così, ma resta che sono una freelance, quindi instauro con i miei clienti un contratto di collaborazione e opero per il 90% del mio tempo da remoto.

Ecco. Per me è facile spiegarlo. E’ il mio lavoro. Ma non hai idea di quante volte lo spiego, lo rispiego e lo rispiego ancora, ai consulenti finanziari ovviamente, il mio cliente target. Spesso sono chiamata per pura curiosità, altre volte dopo aver chiarito bene cosa faccio per instaurare ottimi rapporti di collaborazione.

Passo moltissimo tempo a spiegare cosa faccio, come lo faccio e quali sono i vantaggi per il consulente finanziario che, in molti casi, a malapena riconosce come utile il ruolo dell’assistente d’ufficio, figuriamoci quello l’assistente virtuale!

Questa metafora con la mia professione per spiegarti che se hai difficoltà nel fare nuova clientela o nel farti percepire in un certo modo, forse anche la tua professione non è poi così conosciuta, diffusa e compresa.

Come puoi spiegare altrimenti il titolone di questa settimana “Sui conti correnti 1 miliardo al giorno”?

Se fosse così chiaro il ruolo del consulente finanziario, perché non è altrettanto diffuso tra le persone l’affidarsi a un consulente? Per un basso di livello di educazione finanziaria? Per i bias cognitivi? In parte.

Ma per il resto?

Se guardiamo i numeri, la realtà è che il singolo consulente può per forza di cose impattare su una cerchia di persona ancora troppo piccola e nell’ultimo anno, causa covid, ancora meno. Se ci pensi, quante nuove persone puoi incontrare? Quanto tempo abbiamo da dedicare ad un networking selezionato quando a malapena riusciamo in 24 ore a smazzare le urgenze della giornata.

Certamente dovresti organizzarti meglio e non lavorare in emergenza ma, manca visibilità.

Per questo oggi non è più possibile evitare i social network, la pubblicità, il web, youtube, i podcast e tutto quello che è possibile fare grazie alla tecnologia per amplificare i vostri messaggi e per amplificare la conoscenza del ruolo tra le persone.

Manca visibilità, manca divulgazione, manca informazione sul ruolo del consulente finanziario e sui vantaggi per le persone ad affidarsi ai suoi servizi. Manca una comunicazione forte, costante e unita nel far arrivare un messaggio che possa sensibilizzare la controparte.

E per i già attivi, è tempo di cambiare registro: basta parlare di grafici, di mercati, di volatilità, di tutto il gergo tecnico che siete abituati a usare con i già investitori!

Se ci sono, i miliardi sui conti correnti FORSE hanno un problema di comunicazione.

Quali sono dieci buoni motivi per cui una persona dovrebbe affidarsi a un consulente finanziario?
Ci hai mai pensato? Perché una persona dovrebbe spostare i soldi dal conto bancario e investirli con te? E la risposta deve essere vantaggiosa per il cliente, in modo che dopo la lettura del tuo post, lui possa riflettere.

Ora invece lascio riflettere te: ricorda che quanto è grosso il tuo portafoglio è la rappresentazione dell’impatto che hai sulle persone. Cambiarlo tocca solo a te.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bugie e reclutatori, la confessione del piccolo portafoglista

Consulenti uniti per chi è in difficoltà

CheBanca!, reclutamento top per la rete

Consulenti, via libera alle richieste per i finanziamenti garantiti

Polizze, il consulente in smart working è una rivelazione

Consulenti, se l’emotività ora si può misurare

Consulenti, occhio a quel questionario Mifid

Il caso del cf Sergio, quando il portafoglio si blocca e servono idee

Consulenti finanziari fake, ecco come scovarli

Consulenti, ecco come scegliere la vostra mandante senza sbagliare

Consulenti, perché interviste e sondaggi rafforzano il legame con il cliente

Consulenti, una ricerca dice quel che serve per conquistare i millennials

Reti, ecco il sondaggio dei consulenti per i consulenti

Consulenti, come riconoscere e affrontare il burnout

Finanziamenti ai consulenti, manca solo l’ultimo passo

Consulenti finanziari: ecco perché puntare sui millennial

Consulenti, ai clienti ricchi piace Biden

Consulenti, i 4 tipi di investitrici che dovreste conoscere

Consulenti, tutte le differenze tra webinar e meeting

Consulenti, fra Trump e Biden vincono le infrastrutture

Consulenti, diario di un grande portafoglista: tra indipendenza e successo

Esame albo consulenti, ecco le nuove prove a distanza

Credem, la consulenza anti-fragile

Consulenti finanziari, ambasciatori dei valori della rete

Consulenti, 11 espressioni inglesi per la prossima riunione

Consulenti, il nuovo volto dell’Europa tra Brexit e Next Generation

Consulenti, le polizze sono il vero vaccino anticrisi

Consulenti, un pieno di azioni per il cliente

Consulenti, i giovani vi salveranno

“Spalle larghe” e consulenza: la storia di Nolan

Consulenti tra radiati, sospesi e sanzioni: agosto ne ha per tutti i gusti

Acchiappa-clienti o ascoltatore, scopri quale consulente sei

Consulenti, i millennials non vi sostituiscono con i robot

NEWSLETTER
Iscriviti
X