Banche, arriva la cura Gualtieri

A
A
A
Avatar di Redazione 20 Novembre 2020 | 12:01

Il governo punta ad ammorbidire la definizione di default, incrementando la soglia percentuale oltre la quale un prestito viene considerato deteriorato. Lo si evince dall’intervento fatto ieri in Senato dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. Durante l’audizione si è richiesta inoltre una maggiore flessibilità da parte della Vigilanza Bce sulle richieste alle banche, più spazio per le bad bank nazionali e si è ribadita l’impossibilità di porre modifiche al calendar proviosioning, almeno nel breve termine.

Ma facciamo un passo alla volta.

Secondo quanto riportato da Milano Finanza, le nuove regole che entreranno in vigore dal prossimo gennaio prevedono che la riclassificazione del credito scaduto scatterà quando un debitore non ripagherà per 90 giorni un ammontare pari all’1% del finanziamento totale (in precedenza fissato al 5%) e di almeno 100 euro per le esposizioni al dettaglio e di 500 per le altre. Affinché il credito venga contabilizzato come scaduto, entrambe le condizioni devono verificarsi.

Per quanto riguarda la maggiore flessibilità auspicata da parte della Vigilanza Bce in merito alle richieste di capitale e sulle azioni nei confronti delle banche con molti deteriorati, il ministro ha ribadito di aver chiesto ripetutamente ai tavoli europei che anche nel prossimo anno le esposizioni coperte da moratoria non cambino classificazione, dato che si tratterebbe anche di prestiti per oltre 300 miliardi. “Motivo di specifica preoccupazione è il termine delle moratorie, che è suscettibile di determinare un aumento delle esposizioni di inadempienze probabili, con il rischio di una significativa distruzione di valore”.  Per questo motivo “il governo – sottolinea Gualtieri – ha presentato una proposta di proroga nella Legge di Bilancio”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

COMMENTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ARTICOLI CORRELATI

Fineco, una proposta digitale da leccarsi i baffi

Bim, un incubo anche in Borsa

Consulente, da quando c’è il Covid vali di più

IWBank PI, su LinkedIn un’ipotesi curiosa sul futuro

Mps, i fondi affilano le armi

Credem, un impegno per i diritti umani

Asset allocation, per le banche il rischio è stabile

Fineco, i magnifici 7 per il nord-est

Bnl Bnp Paribas LB, incetta di new entry dalle “rivali”

Widiba, due progetti per crescere a Milano

Consulenti: banche e mercati in crisi, cosa è differente questa volta

Intesa Sanpaolo, il nuovo modo di fare banca dopo il Covid

Credem e Cassa di Risparmio di Cento, la fusione è realtà

CheBanca!, alla filiale solo su appuntamento

Banche, il Covid farà qualche vittima

Widiba, un decano della consulenza rafforza la squadra abruzzese

Banche, la filiale non tira

Widiba, gli uffici cambiano faccia

Conti correnti, gli italiani si innamorano dell’online banking

Banche, rivoluzione digitale

Banche, Illimity ora è una Star

Banche, la mattanza delle filiali

Banche, ancora troppe poche donne ai vertici

Banche, ecco la top ten dell’Europa occidentale

Banche, condannati tre istituti dell’agrigentino

Banche, i big uniti in un’app

Banca Generali, la raccolta batte se stessa

Banca Generali, il “colpaccio” Lenti si presenta

Banca Generali, le commissioni sono un punto di forza

Widiba e l’architettura delle scelte

Banche dietro la lavagna: sanzioni quadruplicate nel 2019

Widiba, ecco la nuova certificazione per i consulenti

Credem, il nuovo corso del wealth management

NEWSLETTER
Iscriviti
X