Credem, progetto nuovo di pacca con le università

A
A
A
di Redazione 23 Novembre 2020 | 12:23

Prosegue il percorso di Credem per stimolare ed accrescere competenze e conoscenze delle Persone che operano nel Gruppo. In particolare, il Gruppo ha attivato un progetto sperimentale con le Business School dell’Università Bocconi, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e del Politecnico di Milano, enti universitari di eccellenza che metteranno a disposizione programmi di formazione disponibili sul portale del Welfare aziendale, indirizzati al settore finanziario e coerenti con il modello di business del Gruppo.

Tutti i dipendenti potranno utilizzare il premio welfare aziendale, erogato dalla banca al raggiungimento di specifici indicatori di prestazione, per partecipare a tali programmi di formazione e perfezionamento universitario.

I primi partner accademici individuati sono SDA Bocconi School of Management, ALTIS – Alta Scuola di Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e MIP – Business School del Politecnico di Milano, che hanno predisposto programmi di formazione dedicati.

L’iniziativa è coerente con la cultura aziendale, che incentiva il valore della formazione durante l’intero ciclo di vita professionale nella convinzione che l’aggiornamento costante delle competenze e delle conoscenze costituisca un fattore competitivo per l’azienda ed incrementi, al contempo, il benessere delle Persone attraverso la loro capacità di rispondere adeguatamente alla sfide del mercato del lavoro, incentivando il self-empowerment e l’integrazione relazionale e professionale.

“Da tempo le strategie di formazione aziendale sono orientate ad incentivare l’auto-attivazione e l’auto-formazione mediante un’offerta erogata dall’Academy Credem, che copre un’ampia gamma di hard e soft skills”, ha dichiarato Andrea Bassi, Direttore del Personale di Credem. “Questa iniziativa va nella stessa direzione garantendo alle Persone del Gruppo l’opportunità di usufruire di percorsi di formazione estremamente qualificati  erogati da primarie realtà del mondo accademico”, ha concluso Bassi.

Il Prof. Giuseppe Soda, Dean SDA Bocconi School of Management, ha dichiarato: “Ogni giorno, dal 1971, siamo impegnati a nutrire esperienze formative con la nostra passione per la conoscenza e il sapere concreto, la creatività e il rigore scientifico, la pluralità e l’internazionalità. Siamo nati per affiancare persone, imprese e istituzioni nella crescita, nel miglioramento, nella trasformazione continua e vogliamo essere al fianco di Credem per affrontare le sfide più impegnative e favorire l’accesso alla formazione anche del mondo femminile offrendo un’agevolazione pari al 20% sulla quota di partecipazione a tutti i programmi di formazione Manageriale. In questi anni siamo cresciuti insieme ai nostri partners e ai nostri studenti, abbiamo imparato a cambiare e trasformare la nostra offerta. La nostra forza è proprio questa capacità evolutiva, grazie a un’energia diffusa, innovativa, sentita a tutti i livelli”.

“Crediamo nel valore della formazione e nell’opportunità di restituire al welfare quel crisma di utilità sociale che gli è sempre appartenuto. È ancora più importante farlo in un momento storico come quello attuale, caratterizzato da incertezza e, per molte famiglie, difficoltà. Poter essere vicino a Credem, ai suoi dipendenti e ai loro nuclei familiari (con la possibilità di destinare il premio welfare all’istruzione dei figli) e investire insieme sulla crescita del capitale umano è un segnale tangibile di quanto ALTIS Università Cattolica voglia fare propri i valori dell’inclusività e dello sviluppo sostenibile”, ha dichiarato il Prof. Vito Moramarco, Dean ALTIS, Università Cattolica del Sacro Cuore

“Chiunque si occupi di formazione riscontra quotidianamente la crescente importanza del concetto di lifelong learning. Oggi è impensabile ritenere che la formazione si possa arrestare al termine di un Master o di un percorso professionalizzante. Deve necessariamente proseguire e permeare la vita lavorativa perché le competenze che vengono apprese in aula hanno un ciclo di vita che si sta progressivamente riducendo: anche per questo siamo convinti che l’intuizione del Gruppo Credem possa essere foriera di prosperità per l’azienda e per la società”, ha dichiarato il Prof. Davide Chiaroni, Associate Dean Corporate Relations MIP Politecnico di Milano

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Credem, un decano di Banca Generali per il wealth management

Credem, un webinar su inclusione e diversità

Banca Euromobiliare, poker di ingressi da IWBank e Mps Private

NEWSLETTER
Iscriviti
X