Bugie e reclutatori, la confessione del piccolo portafoglista

A
A
A
Avatar di Redazione 25 Novembre 2020 | 10:53

Su Bluerating abbiamo lanciato nei giorni scorsi il tema delle false promesse che alcuni reclutatori (non tutti) fanno in sede di colloquio con bancari e consulenti per convincerli a entrare in una rete. Vi avevamo riportato il contenuto di uno sfogo su Linkedin del manager di un’importante rete di consulenti finanziari (leggi qui) e chiesto di inviarci le vostre esperienze negative (o positive, se ne avete riscontrate). Con piacere abbiamo constatato che i nostri lettori hanno raccolto l’appello e vi riportiamo la storia di un consulente piccolo portafoglista che ha preferito rimanere anonimo.

Ricordiamo a tutti che è ancora possibile partecipare inviando la vostra storia a redazione@bluerating.com.

Ecco il contenuto della lettera che abbiamo ricevuto:

Sono stato reclutato parecchi anni fa. Provenendo da una piccola banca, ho fatto presente l’esiguità del mio portafoglio e mi sono state date rassicurazioni sul fatto che l’organico della città era molto datato e che con i pensionamenti mi sarebbe stata riassegnata clientela, ovviamente pagando il giusto corrispettivo.

Negli anni molti promotori sono andati in pensione, ma i clienti sono stati sempre riassegnati ai soliti grandi portafoglisti. Anzi, a me viene detto che con il passare del tempo, la crescita del portafoglio medio, la MiFID 2 e il calo delle retrocessioni, l’azienda potrebbe mandarmi a casa.

Ecco, questo sono i seri reclutatori che per 10.000 euro di premio rovinano le persone.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, opportunità e rischi dei primi 100 giorni di Biden

Consulenti, dove investono e cosa vogliono i Family Office

Consulenti, c’è un metodo per gestire meglio il vostro tempo

NEWSLETTER
Iscriviti
X