Banche, Messina tifa oligopolio

A
A
A
Avatar di Redazione 4 Dicembre 2020 | 10:28
Il ceo di Intesa Sanpaolo auspica che le aggregazioni nel settore bancario italiano si compiano il prima possibile.

L’Italia ha bisogno di due o tre campioni bancari di grandi dimensioni, capaci di avere un peso anche su scala Europea. Questo è il pensiero del ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, le cui dichiarazioni sono state riportate da un articolo de Il Sole 24 Ore di venerdì. Il gruppo ha da poco portato a compimento l’acquisizione di Ubi Banca e, prosegue il ceo, tutto il settore bancario italiano dovrebbe pensare al consolidamento: “Noi abbiamo già fatto, ci siamo mossi al momento giusto e nel modo giusto”, ha detto Messina, “ed è sotto gli occhi di tutti che le scelte prese nei momenti giusti portano le aziende a poter continuare i percorsi con grande serenità”. E poi ha aggiunto: è chiaro che il settore bancario italiano ed europeo hanno “necessità di concentrarsi e credo prima avverranno le concentrazioni a livello domestico e poi si passerà a quelle internazionali”.

In merito ai vari rumors di aggregazione, tra Unicredit e Mps o Banco Bpm e Bper, Messina ha infine concluso: “Ci sono diversi soggetti sul mercato che possono combinarsi tra loro. Credo che sia indispensabile che questo accada il prima possibile”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Intesa Sanpaolo, doppia emissione obbligazionaria in valuta estera

Fideuram, risultato netto in calo nel 2020

Fineco e Banca Generali, questo brand è uno spettacolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X