Taglio dei dividendi, Doris e Mossa si ribellano

A
A
A
di Redazione 17 Dicembre 2020 | 11:33

Dopo la discussa raccomandazione della Bce al pagamento dei dividendi (qui l’analisi di equita), con l’imposizione di un limite pari al minore tra il 15% degli utili 2019-20 e 20bps sugli RWA (acronimo di Risk-Weighted Assets, che esprime una ponderazione dei fattori di rischio imputabili a ciascuna attività finanziaria detenuta dalla banca), il mondo delle reti si ribella e lo fa nelle dichiarazioni puntute di due protagonisti dello stesso, cioè Massimo Doris e Gian Maria Mossa, rispettivamente ad di Banca Mediolanum e ad e dg di Banca Generali.

Come riporta Il Sole 24 Ore, le parole di Massimo Doris sanno di disappunto: “Siamo profondamente delusi. E’ evidente che l’attenzione è stata concentrata solo sulle banche tradizionali e non sono stati considerati altri modelli di business, molto meno rischiosi e che paradossalmente oggi vengono puniti più delle banche tradizionali”.

Sulla scia dell’insoddisfazione si colloca anche l’intervento di Gian Maria Mossa: “Ad essere penalizzate sono proprio le banche più distanti dal settore bancario tradizionale e che operano nel settore della gestione del risparmio delle famiglie. Paradossalmente saranno proprio queste ultime a subire le maggiori restrizioni, nonostante la forte generazione di utili, l’elevata solidità di capitale, l’elevato Roe e l’alta qualità degli attivi”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, it’s Time to change

Generali, per i soci è tempo di mostrare le carte

Consulenti, ecco le banche-reti più “cattive”

NEWSLETTER
Iscriviti
X