Fabi, il sacrificio dei bancari durante il Covid

A
A
A
di Redazione 24 Dicembre 2020 | 11:26

«Scuola, sanità, Forze dell’ordine, esercito, protezione civile, trasporti, mondo dell’informazione, telecomunicazioni, alimentari, assicurazioni, poste: sono le categorie dei servizi pubblici essenziali. Assieme a questi, ci sono anche le banche. Le lavoratrici e i lavoratori di questi settori non hanno mai smesso di lavorare. Ora tutti devono fare la loro parte per uscire da questa emergenza. Noi non abbiamo mai smesso di farla. Auguri a tutti di buon Natale». È il messaggio che la Fabi, Federazione autonoma bancari italiani, ha pubblicato sul sito internet istituzionale. «Questo Natale va dedicato a quelle persone che hanno perso la vita e a tutte le lavoratrici e i lavoratori che hanno dato un esempio di grande sensibilità e abnegazione verso la collettività. È stato un anno difficile, molto difficile. Sono purtroppo venuti a mancare per il Covid numerose lavoratrici e lavoratori bancari. La categoria ha dato prova di grande senso di responsabilità e di sacrificio, svolgendo al meglio l’attività di servizio pubblico essenziale. Noi abbiamo dato risposte concrete ai lavoratori bancari, per aver raggiunto con l’Abi (Associazione bancaria italiana) accordi importanti in termini di tutela e contrasto al virus» dice il segretario generale della Fabi, Lando Maria Sileoni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Come ti trasformo da bancario in consulente

Vaccini: bancari sì, consulenti no. Federpromm non ci sta

Bancari, c’è l’accordo per il vaccino al lavoro

NEWSLETTER
Iscriviti
X