Mediolanum blindata fino al 2023

A
A
A
di Andrea Giacobino 28 Dicembre 2020 | 09:39
La famiglia Doris rinnova per altri 3 anni il patto di sindacato che controlla il 40,36% dei diritti di voto della banca.

La famiglia Doris “blinda” Banca Mediolanum fino al 2023. Con riferimento al patto parasociale rilevante ai sensi dell’art. 122 del D.Lgs. n. 58/1998 (l’“Accordo di Sindacato”) avente a oggetto azioni di Banca Mediolanum, originariamente sottoscritto in data 20 dicembre 2017 e attualmente in essere tra i componenti della famiglia Doris e i veicoli societari agli stessi riferibili, il 20 dicembre scorso, infatti, l’accordo si è tacitamente rinnovato per un periodo di ulteriori tre anni e, dunque, sino al 20 dicembre 2023.

Il patto racchiude oltre 299,2 milioni di azioni della banca, pari al 40,36% dei titoli con diritto di voto di cui il 20,1% in mano alla Finprog (finanziaria della famiglia Doris), il 6,2% in capo per metà a Ennio Doris direttamente e per il resto alla Lina srl, il 10% circa in capo alla moglie Lina Tombolato di cui il 6,8% tramite T-Invest e il resto direttamente e l’1,99% circa ciascuno in capo al figlio Massimo e alla figlia Annalisa Doris tramite Snow Peak e FiveFlowers.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mediolanum, due nuovi ingressi per l’asset management

Banca Mediolanum sostiene le imprese d’Elite

Mediolanum, la nuova campagna tra tradizione e innovazione

NEWSLETTER
Iscriviti
X