Intesa-Ubi, c’è l’accordo per il grande esodo dei cinquemila a Bper

A
A
A
Avatar di Redazione 30 Dicembre 2020 | 09:53

La più grande aggregazione dell’anno, quella tra Intesa Sanpaolo e Ubi Banca, riversa ancora i suoi effetti sul mercato bancario. L’antitrust, infatti, aveva dato luce verde all’operazione a patto che Intesa cedesse almeno 500 sportelli di Ubi a Bper. In nottata, infine, è arrivato l’accordo tra i gruppi bancari coinvolti, la Fabi e le altre organizzazioni sindacali per la gestione del passaggio dal punto di vista dei dipendenti. Lo si apprende da una nota ufficiale della stessa organizzazione guidata da Lando Maria Sileoni che di seguito riportiamo integralmente.

È stato firmato nella notte, dalla Fabi e dalle altre organizzazioni sindacali con i gruppi Intesa Sanpaolo e Bper, l’accordo relativo alla cessione delle 624 filiali di Ubi a Bper. Massima tutela per le 5.107 lavoratrici e lavoratori coinvolti nel trasferimento del ramo d’azienda, stabilito con gli impegni Antitrust nell’ambito dell’offerta pubblica di acquisto e scambio di Intesa su Ubi. Il passaggio degli sportelli e del relativo personale a Bper (la maggior parte di Ubi, il resto proveniente da Intesa) si concretizzerà nei primi mesi del 2021.

Nel dettaglio, l’accordo riguarda le cessioni di due distinti rami d’azienda: 587 sportelli e 4.727 lavoratori della rete Ubi, 37 filiali e 295 addetti di Intesa Sanpaolo, 85 dipendenti di Ubis. L’accordo sottoscritto garantisce il rapporto di una assunzione ogni due uscite, sempre su base volontaria, anche per il personale “ceduto” in Bper, in linea con quanto definito dalle organizzazioni sindacali e Intesa nell’Opas su Ubi. Quanto alle tutele, le lavoratrici e i lavoratori che passano a Bper mantengono il proprio “status quo”, sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista normativo: l’armonizzazione, nel gruppo Bper – che terrà conto anche degli accordi sulle politiche commerciali siglati in Bper, Intesa, e Ubi – si concluderà entro il 31 dicembre 2021 e fino a quella data restano in vigore pattuizioni e contratti integrativi di provenienza.

«Siamo soddisfatti dell’accordo dal quale prendono il via due grandi nuovi Gruppi bancari, è un ottimo strumento per tutelare i lavoratori nelle parti economiche e normative acquisite nel tempo. Tutti i 5.107 lavoratori potranno affrontare questo momento cruciale ed impegnativo della loro vita lavorativa con maggior serenità. Il difficile momento che stiamo attraversando amplifica le difficoltà, ma i lavoratori devono sapere, questo accordo lo dimostra, che la Fabi è qui pronta ad ascoltarli, a vigilare e approntare gli strumenti che possono ridare fiducia e serenità per quanto ci compete e oltre. Altre tutele arriveranno dagli accordi di armonizzazione che il sindacato gestirà entro la fine del 2021. È stato inoltre confermato il rapporto di 2 uscite in esodo o pensione con 1 nuova assunzione nei territori interessati dalle uscite» commenta il segretario nazionale Fabi, Giuseppe Milazzo. «I lavoratori di Ubi e IntesaSanpaolo ceduti entrano in Bper dalla porta principale, con il pieno rispetto della loro storia e della loro professionalità, che sarà determinante per la riuscita del progetto industriale. Questo è un accordo inclusivo che fornisce risposte concrete a tutti: ai lavoratori che entreranno in Bper, ai colleghi che saranno coinvolti nel processo di integrazione informatica che si svilupperà nei prossimi mesi e anche ai più giovani con assunzioni a tempo indeterminato» osserva il segretario nazionale Fabi, Mattia Pari.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, un podcast per raccontare il Wealth Management

Risiko bancario, quattro banche per tre ipotesi

Bper si rafforza nel wealth management

NEWSLETTER
Iscriviti
X