Banche-reti, l’effetto Draghi le esalta in Borsa

A
A
A
Avatar di Redazione 3 Febbraio 2021 | 09:50
Il risveglio di Piazza Affari è da luna di miele con la prospettivo di un nuovo governo dell’ex presidente della Bce.

È una mattinata frizzante per la Borsa Italiana e, in particolare, per le banche-reti. La prospettiva di un nuovo governo guidato dall’ex Presidente della Bce Mario Draghi, convocato alle 12 da Sergio Mattarella al Quirinale, ha spinto il Ftse Mib (+2,25% poco dopo le 9) e lo spread Btp-Bund ha ripiegato a 104 punti base. E anche tutti i titoli delle banche-reti quotati a Piazza Affari sembrano aver apprezzato la notizia: la meglio intonata è Banca Mediolanum, autrice di un balzo di quasi il 4% in apertura. Molto bene anche Credem che sprinta sopra il 3% e Banca Generali al +2,43%. Sempre in rialzo, infine, i titoli di Azimut (+1,66%) e di Fineco (+1,58%).

Dopo il colloquio con il presidente della Repubblica, si saprà se Draghi riuscirà a trovare in Parlamento una base sufficientemente solita per poter istituire il suo governo. Quel che è certo, però, è che un personaggio così conosciuto a livello internazionale, e con un curriculum tanto pesante, sembra riscuotere un certo favore sui mercati finanziari, da sempre preoccupati dall’instabilità politica tipica dell’Italia.

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, investimento all’ombra della Mole

Azimut, la raccolta si gode il gestito

Azimut, un nuovo polo per puntare all’innovazione

NEWSLETTER
Iscriviti
X