Azimut, la raccolta parte col turbo

A
A
A
di Redazione 4 Febbraio 2021 | 15:37
La rete di consulenti del gruppo guidato da Pietro Giuliani inizia il 2021 con un raccolta da 676 milioni a gennaio.

Inizio d’anno molto positivo per Azimut. In base ai dati diffusi dalla società, infatti, nel mese di gennaio 2021 si è registrata una raccolta netta positiva per 676 milioni di euro (in netto progresso rispetto ai 172,8 milioni di dicembre 2020). Il totale delle masse comprensive del risparmio amministrato si attesta quindi a fine gennaio a 61,4 miliardi, di cui 47,6 miliardi fanno riferimento alle masse gestite.

Il Gruppo ha raggiunto oltre 2,2 miliardi in Private markets grazie al primo closing del fondo Infrastrutturale per la Crescita – ESG.

Pietro Giuliani, Presidente del Gruppo, commenta: “Iniziamo il nuovo anno di slancio con una raccolta di 676 milioni di euro, realizzata in buona parte sul Risparmio Gestito per via organica dalla nostra Rete di consulenti finanziaria in Italia. Siamo anche soddisfatti di aver raggiunto nel mese di gennaio il primo closing a circa 190 milioni di euro del nostro fondo Infrastrutture per la Crescita – ESG. I risultati confermano la nostra capacità di essere al fianco dei clienti e di accompagnarli in una pianificazione finanziaria che punta alla protezione e alla creazione di valore nel lungo periodo. Un impegno riflesso anche nella continua innovazione di prodotto che, grazie al lavoro del nostro Global Asset Management Team, ci ha permesso di lanciare nel mese di gennaio 7 nuovi comparti della piattaforma lussemburghese Azimut Investments e 3 nuovi fondi nei private markets”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Generali, gran colpo da Azimut per il private

Azimut, un finanziamento per il “made in Italy”

Consulenti, ecco le banche-reti più “cattive”

NEWSLETTER
Iscriviti
X